La Juventus vincente gela il Sant’Elia con doppietta di Matri COMMENTA  

La Juventus vincente gela il Sant’Elia con doppietta di Matri COMMENTA  

La Juventus vince al Sant’Elia per 3-1. Il Cagliari è stato attento e grintoso nel primo tempo, ma dopo il gol della Juve, ad opera di Matri non ha quasi mai concretizzato azioni veramente pericolose.

Leggi anche: Cagliari Calcio cerca 50 Steward che lavorino durante le partite

Durante l’intervallo Donadoni riordina le idee e la squadra, e infatti subito si arriva al pareggio con un cross di Cossu in area infilato da Acquafresca solo al centro.

Leggi anche: Rossoblu in campo: Cagliari- Juventus

Del Neri inserisce Del Piero, che insieme a Matri impensierisce ancora Agazzi. E ironicamente, proprio ancora da Matri al 30′ arriva la rete dell’1-2, con un sinistro di controbalzo su cross di Chiellini.

Nel finale, prima viene annullato a Nenè il gol del 2-2 per un presunto fallo di Canini su Chiellini, poi subito dopo il neo entrato  Toni chiude i conti con un colpo di testa preciso.

L'articolo prosegue subito dopo

Due gli infortuni durante il match per i rossoblu: Agostini colpito con una gomitata al volto da Krasic dopo 3 minuti e sostituito da Ariaudo; Nainggolan per una distorsione alla caviglia, più seria del previsto, e che potrebbe impedirgli di scendere in campo domenica contro il Chievo.

[Fonte foto: Fab:o Fo:s, Flickr]

Leggi anche

Cagliari: uccide per frase su facebook
Sardegna

Cagliari: uccide per frase su facebook

Anche una frase scritta su un social come Facebook può scatenare la lite e portare alla morte, come è successo a Cagliari. La storia può sembrare davvero inverosimile, ma è quanto successo a Cagliari tra due uomini, provocando la morte di uno dei due. Alessandro Picci di anni 47 è morto per colpa di un 22enne a causa di una frase scritta su Facebook e che ha scatenato l'ira omicida. I due si conoscevano, sono vicini di casa, e a una frase di Picci relativa a un commento su un post di Aru, quest'ultimo ha deciso di presentarsi sotto casa Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*