La Leggenda di Zelda è ancora rilevante per i bambini di oggi?

Videogiochi

La Leggenda di Zelda è ancora rilevante per i bambini di oggi?


Skyward Sword è epico. Fortunatamente, non lo dico nel modo in cui lo dicono gli studenti universitari ottusi o i bambini seccanti, ma nel senso letterale della parola. Come Campbell’s Hero con il monomito A Thousand Faces, la storia della maturazione di Link che salva il mondo e la principessa è una storia con elementi molto tradizionali che molti giocatori sentono e risentono per tutta la vita (più o meno, dal momento che con i suoi 25 anni, la Leggenda di Zelda ne ha solo un paio in più di me).

Tuttavia, nonostante l’apprezzamento quasi universale da parte di tutti i critici, ho paura che la serie di Zelda possa dirigersi lentamente verso un posto piuttosto bizzarro nella nostra cultura. La storia profonda e l’arte che sono stati messi in questo gioco non potranno non essere apprezzati dai vecchi fan, ma la nuova generazione potrebbe trovare difficile immergersi in esso, quando la loro attenzione è attratta da giochi come Modern Warfare, Batman e Assassin’s Creed.

Tutti bei videogiochi, per carità, ma tutti molto più immediati. L’azione è sempre disponibile per il giocatore, ma solo alla sua periferia.

Questo è un peccato, perché la Leggenda di Zelda, alla fine, si basa su un ragazzo che va all’avventura. E’ carino anche per adulti, ma questo gioco è nato per un pubblico diverso. Anche con tutto lo sforzo impiegato per renderlo un gioco adatto a tutta la famiglia, che si rivela stimolante e artisticamente integro, dopo circa un’ora di gioco, ho il sospetto che molti bambini definiranno il gioco “troppo noioso”. Forse sbaglio, e forse tutto questo arriva solo dal disprezzo per la cultura pop, da un punto di vista “benvenuti nel mio mondo…”. Forse finirò per comprare il gioco, solo per farlo conoscere al mio fratellino ed esclamare con un tono di divertimento scioccato: “Non ha esplosioni cinematografiche? E’ come un giocattolo per bambini!”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche