La medicina tradizionale cinese può essere dannosa

Salute

La medicina tradizionale cinese può essere dannosa

E’ un pensiero comune che sia meglio utilizzare i farmaci naturali perchè sono meno dannosi ed hanno meno controindicazioni. Alcuni ricercatori australiani hanno eseguito l’analisi del Dna su quindici prodotti utilizzati nella Medicina tradizionale cinese, giungendo alla conclusione che alcuni dei preparati analizzati contengono piante delle specie Ephedra e Asarum, piante ricche di sostanze chimiche che, in dosi non correttamente prescritte, possono essere velenose; eppure, le confezioni non riportano la concentrazione del principio attivo.

L’altra avvertenza è che spesso i pochi dati forniti sono falsi: in un prodotto descritto come derivato al cento per cento dall’antilope saiga è stata trovata una notevole quantità di Dna di capra e di pecora. Altri campioni evidenziavano invece la presenza del Dna di animali in via di estinzione, e quindi protetti, come l’orso tibetano. La ovvia conclusione è che se la medicina cinese ambisce ad avere un posto nella farmacopea moderna, deve fare in modo d’essere controllabile e verificabile.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche