La moda del sorriso COMMENTA  

La moda del sorriso COMMENTA  

 

I francesi l’hanno ribatezzata la “moda della gaieté” tradotto vuol dire allegria, divertimento, felicità, gioia; la moda del sorriso nasce come elemento di novità di questa primavera-estate e che proseguirà anche nel prossimo inverno.

E’ la risposta degli stilisti al momento di austerity che tutto il mondo sta attraversando. Già Goethe nel suo libro “Della teoria dei colori” invitava a non sottovalutare gli aspetti sentimentali e soggettivi dei colori; in certi giorni basta un tocco per sentirsi meglio.

Il Capo di Stato Americano, Hillary Clinton d’altronde ha dicharato pubblicamente ” quando voglio essere più allegra indosso la mia borsa fucsia“. La rivista Harper Bazar invita a festeggiare l’inizio della primavera con i colori migliori per ogni età; partendo dalle 20enni, le più coriacee nei gusti, gli stilisti rivolgono loro un corato appello ” valorizzatevi con sprazzi di giallo“; a dare l’esempio alcune celebrities da Nicole Richie a Kirsten Dunst.

Giallo, fucsia, verde, celeste sono i toni dominanti tinta unita o usati come sfondo delle stampe;non solo fiori ma anche ortaggi : Dolce & Gabbana grida a gran voce “ragazze osate non abbiate paura”. Il duo stilistico ammette che lo stile è per prima cosa avere personalità e scegliere le cose che più si avvicinano a ciò che si è. Ricerche dimostrerebbero che alcuni toni agiscono più sul pensiero creativo e altri più su quello razionale.  Colori, fiori, fiocchi diffondono positività, allegria e aiutano talvolta il gioco della seduzione.

L'articolo prosegue subito dopo

“The woman in red” è un classico; d’altronde nei momenti  di crisi cresce la vendita di rossetti. La speranza degli stilisti è che  accessori e vestiti a tinte forti stimolando il desiderio, migliorino l’economia della moda.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*