La musica è pericolosa COMMENTA  

La musica è pericolosa COMMENTA  

PIOVANI

 

 

Quella di Nicola Piovani è una vita nel segno della  musica, e degli incontri che la musica ha reso possibili: con Ennio Morricone,  Manos Hadjidakis; con il pubblico che lo ha ascoltato dal vivo negli auditorium,  nei teatri, con i registi come Federico Fellini e Mario Monicelli.

Ma se “la  musica è pericolosa”, come diceva Fellini, è un pericolo che vale la pena  correre perché regala inaspettati scampoli di divinità. In queste pagine, Nicola  Piovani ricorda com’è cambiata la sua vita con l’arrivo in casa della  rivoluzionaria Lesaphon Perla, la fonovaligia acquistata per le feste da ballo  di suo fratello.

Racconta come sono nate molte delle sue musiche, come “La banda  del pinzimonio” composta per Roberto Benigni, la combinazione mi-fa-sol di “Il  bombarolo” scritta per Fabrizio De André o la canzone “Quanto t’ho amato”,  scritta con l’amato amico Vincenzo Cerami.

Ma racconta anche gli scherzi  goliardici che si concedeva con Gigi Magni, come quello di approntare un testo  provvisorio per la metrica di una nuova lirica di “I sette re di Roma” usando il  turpiloquio al posto dei numeri.

L'articolo prosegue subito dopo

Prende forma così una “vita cantabile” dove la  musica diventa un pretesto per parlare della vita, e dove la vita si lascia  agganciare proprio in quei momenti in cui un’aria, una combinazione di suoni, il  fragore di una banda o l’audacia di un’orchestra hanno saputo toccarci il cuore  e dirci qualcosa di più su questa rocambolesca avventura di essere musicalmente  al mondo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*