La musica per i matrimoni COMMENTA  

La musica per i matrimoni COMMENTA  

La musica e l’intrattenimento durante il ricevimento, ovvero l’impresa di abbinare i gusti di: sposi (giovani), amici degli sposi (giovani chiassosi), genitori e parenti vari (un po’ meno giovani), cuginetti (giovanissimi irrequieti), nonni (non giovanissimi).

Quale musica durante il ricevimento

Il primo consiglio è quello di tener conto di due fattori fondamentali: la tipologia degli ospiti e il momento in cui passa la musica.

Per ovviare alla grande differenziazione di gusti cui andate incontro, potete ricorrere agli evergreen: i brani dei Beatles e più in generale di artisti degli anni Sessanta e Settanta sono probabilmente gli unici a mettere d’accordo tutti. Non possono poi mancare le hit del momento che, pur venendo magari poco apprezzate da alcuni, hanno il merito di scatenare gli invitati più giovani, che solitamente sono coloro che condizionano piacevolmente l’atmosfera generale.

Naturalmente non possono mancare i vostri brani preferiti: approfittatene, per molti di voi sarà la prima (e unica?) volta in cui qualcuno non avrà da ridire sui vostri cantanti preferiti, o meglio, lo farà ma tollerandone l’ascolto…

Quale musica in quale momento

Altro aspetto fondamentale è l’abbinamento musica/momento del ricevimento. Al banchetto e a tavola il consiglio è di scegliere una musica soft, da utilizzare come sottofondo poco invadente, che permetta agli invitati di conversare tra di loro. Grosso modo a metà pranzo, o comunque quando gli ospiti iniziano ad alzarsi sempre più frequentemente tra una portata e l’altra, è bene iniziare a ravvivare l’ambiente scegliendo una musica un po’ più vivace.

Il taglio della torta, il momento più atteso, deve essere ben scandito dalla musica: a vostra scelta potete optare tra una musica altisonante o la vostra canzone: comunque una melodia che enfatizzi la situazione e che rimanga in mente.

L'articolo prosegue subito dopo


Come intrattenere gli invitati

Oltre la musica, per intrattenere gli invitati potete contare su numerosissime varianti. Le strutture meglio organizzate spesso sono molto attrezzate e possono fornirvi ben più del semplice pranzo. Non solo, un’altra opzione potrebbe essere l’utilizzo di una società di catering: il vostro ricevimento si trasformerà in un vero e proprio spettacolo capace di coinvolgere tutti gli invitati.
Coinvolgere: questa è la parola d’ordine. In questo modo potrete scovare tra i vostri ospiti inaspettati animali da palcoscenico, formidabili intrattenitori in grado di animare il ricevimento nei momenti morti.
La musica è ovviamente d’obbligo (e il nostro consiglio è quello di far affidamento a un bravo professionista), ma non limitatela a puro sottofondo. E’ bene prevedere momenti danzanti: l’alternare balli tradizionali e balli più attuali garantirà il coinvolgimento di tutti. Anche il karaoke può essere uno strumento utile a scatenare anche i più tranquilli.
Non solo musica, però. Potete ricreare un momento di atmosfera con delle declamazioni. Altrimenti giocare la carta dell’intrattenimento più puro: cabarettisti e prestigiatori per esempio. Anche la lotteria può rappresentare un divertimento: talvolta sono i gestori della struttura che vi ospita a mettere in palio alcuni loro prodotti. E ancora, per i più esigenti, spettacoli pirotecnici, giochi di luci o addirittura giochi d’acqua.
Importante: se ci sono dei bambini, non dimenticatevi di loro. Un clown, un prestigiatore, un animatore o più semplicemente una baby-sitter permetteranno loro di divertirsi e a voi di non dovere fronteggiare improvvisi extra…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*