La nuova sfida on line delle donne: “belly button challenge” COMMENTA  

La nuova sfida on line delle donne: “belly button challenge” COMMENTA  

C’è una nuova mania in rete – ed è piuttosto brutta.
Le donne stanno postando selfies di se stesse che completano qualcosa chiamato il “belly button challenge”
L’idea è che si cerca di toccare l’ombelico facendo passare il braccio dietro la schiena.

Leggi anche: Bimbo va a dormire sano, si risveglia e non riesce più a parlare

Se siete ‘abbastanza sottili’ si dovrebbe essere in grado di raggiungere l’ombelico e scattare una foto.
Se non è possibile, bene, a quanto pare hai bisogno di perdere peso.

Leggi anche: Il curioso caso di Paul, l’uomo trans-age: cambia sesso ed età. “Mi sento una bambina”


Eppure, nonostante non ci sia alcuna base nella scienza, migliaia di persone in Cina stanno postando selfies di se stessi che completano la sfida su Weibo, la versione cinese di Twitter.

Celebrità sono anche sempre in su in mostra le loro piccole rientranze tra cui Yang Mi, Zhang Jiani e Huo Siyan.
Xie Wei, da Nanjing in Cina orientale, ha detto al Quotidiano del Popolo on-line: ‘Io non posso farlo neanche.

L'articolo prosegue subito dopo

Ci sono tre fattori per eseguire la sfida. ‘Il primo è essere magri, il secondo è avere braccia lunghe, e il terzo è avere una buona flessibilità.’ ‘Oltre a fare esercizi di stretching regolarmente coloro che possono eseguire con successo questa sfida, sono persone magre e con i fianchi molto piccoli.’

1 / 0
1 / 0

 

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*