La piramide naturale COMMENTA  

La piramide naturale COMMENTA  

Abbandonata dai cittadini nel 1998, Pyramiden prende il suo nome dalla forma della montagna che la ospita. Situata sull’Isola norvegese di Spitsbergen nelle Svalbard, è oggi meta d’intrepidi turisti che vengono accolti dagli unici cinque coraggiosi che nel 2011 hanno riaperto un hotel per tentare di sfruttare in qualche modo questa zona.

Leggi anche: I paesi abbandonati dopo il sisma


Fondata nel 1910 dai minatori svedesi, fu sfruttata dalla Russia post-comunista per i suoi giacimenti carboniferi dal 1927 sino al 1991, quando con il Trattato di Svalbard si sancì la definitiva sovranità della Norvegia su tutti i territori e sulle risorse presenti.

Leggi anche: Villa Eleonora Oristano: case stregate in Sardegna


Tra gli anni Sessanta e Ottanta, l’isola di Piramide arrivò ad avere sino a mille abitanti. Nel 1998 venne abbandonata all’improvviso, e ai suoi cittadini furono dati solo quattro mesi per trovarsi un’altra sistemazione. Le motivazioni sono ancora oscure, ma il clima così gelido mantiene le strutture ancora in perfetta condizione, che pare non sia mai stata abbandonata del tutto.


1 / 6
1 / 6
  • pyramiden 1
  • pyramiden 2
  • pyramiden 3
  • pyramiden 4
  • pyramiden 5
  • pyramiden 6

Leggi anche

img_0123
Viaggi

Salisburgo. Magia dell’Avvento tra le strade del centro

Salisburgo. Magia dell'Avvento tra le strade del centro. Salisburgo, una delle più belle città austriache é famosa oltre che, per aver dato i natali a Mozart, anche per esser stata dichiarata Patrimonio dell'Umanitá dall'Unesco. Tantissimi i turisti che in questo periodo dell'anno popolano le strade della città, del centro storico di Salisburgo. Moltissimi gli italiani che da sempre si lasciano trasportare dalla magia dell'Avvento. La città ricca di caffé e ristoranti, non troppo distante dal confine italiano é una buona opportunità per passare un piacevole fine settimana in compagnia. Arrivando con gli autobus sulla riva del fiume Salzach, attraversandolo su Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*