La pizza dei froci del panificio di Conversano fa discutere COMMENTA  

La pizza dei froci del panificio di Conversano fa discutere COMMENTA  

La pizza dei froci (Telenorba)
La pizza dei froci (Telenorba)

Il noto panificio della cittadina pugliese ha nel menù una pizza il cui nome risulta molto offensivo ma è una delle più richieste.

A Conversano in Puglia il panificio pugliese sforna dal 1999 la “pizza dei froci”, questo è il nome dato ad una delle pizze, composta da semplici ingredienti come mozzarella, pomodoro e salame, allora perché non chiamarla pizza al salame?

Il proprietario del forno ha dichiarato ai microfoni di Telenorba (nota Tv pugliese): ” È stata una nostra idea, perché avendo i salumi… ci venne l’idea di fare la pizza al salame e di chiamarla così, senza offesa a loro. Molti clienti ce la chiedono scherzando”.

Secondo le testimonianze del personale del panificio, per nulla indignati,  molti clienti la richiedono scherzando sul nome, pare quindi che questa scelta singolare attiri molto la clientela. La trovata pubblicitaria indigna però la comunità gay e non solo, il termine utilizzato è assolutamente offensivo e non necessario. Purtroppo risulta facile immaginare la scena agghiacciante della clientela che entra e richiede la pizza tra le risate generali.

Leggi anche: ZTL Palermo: pass, permessi, targhe alterne, strade interessate


Ancora oggi ci troviamo quindi davanti ad un episodio di omofobia che non sconvolge ma che dovrebbe farci riflettere sull’arretratezza del nostro paese in cui ancora si verificano episodi di questo tipo.

Leggi anche: Ztl a Palermo, da Ottobre: quali le aree interessate


 

 

Leggi anche

Referendum costituzionale: si vota fino alle 23, ecco come
News

Referendum costituzionale: si vota fino alle 23, ecco come

Aperti regolarmente alle ore 7 di stamani i seggi per il referendum costituzionale: "Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione".   Il corpo elettorale, ripartito nei 7.998 Comuni e nelle 61.551 sezioni elettorali del territorio nazionale, è pari a 46.714.950 elettori, di cui 22.465.280 uomini e 24.249.670 donne. Lo scrutinio dei voti inizierà nella stessa giornata di oggi, subito dopo la chiusura delle votazioni alle ore 23. Si decide la sorte Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*