La poesia: MONICA E LE ALTRE di Maram al-Masri COMMENTA  

La poesia: MONICA E LE ALTRE di Maram al-Masri COMMENTA  

 ‘…Una poesia è sempre una lunga storia che alla fine va a deporsi su una pagina bianca…’

Maram Al-Masri è nata a Lattakia in Siria ma vive a Parigi dal 1982. E’ considerata una delle maggiori poetesse di lingua araba e incontrare la musicalità dei suoi versi significa calarsi in un universo a parte, nonostante i temi trattati siano così attuali e vicini al nostro sentire.


Dal primo libro di poesie scritto a Damasco – con un titolo evocativo come ‘Ti minaccio con una colomba bianca’ – Maram ha sempre cercato di sondare il mondo femminile: le sue difficoltà, i vuoti, la capacità di sopravvivere a tutto.


Nell’ultima raccolta di poesie, ‘Anime Scalze’ pubblicata da Multimedia Edizioni – dalla quale pubblichiamo un estratto – la poetessa tenta di narrare la violenza sulle donne e il loro sfruttamento attraverso un registro poetico forte ma profondamente lirico.


Lorenza Cattadori

 

 

 

 

Monica e le altre

Sui marciapiedi del mondo,
sotto il suo sole soffocante
o sotto i neon di una camera,
Monica, Nawal, Maya, Aïcha, Laura, Sandra e Yoko
nel freddo
e le sue ruvide carezze,
vestite della veste leggera della loro pelle,
hanno trasformato i loro corpi
in boutiques
nelle quali
fanno mercato.

L'articolo prosegue subito dopo

Venditrici di piacere
per chi ne ha bisogno,
toccano
quelli che nessuno vuole toccare
ed offrono un istante di tenerezza
(forse)
a quelli che non ne hanno mai diritto.
Soldi …
soldi …
soldi …
in cambio
di venti o trenta minuti
nei quali
Monica, Nawal, Maya, Aicha, Laura, Sandra e Yoko
aprono le loro boutiques
e chiudono gli occhi.

[Maram al-Masri, Anime Scalze (Les âmes aux pieds nus), 2011]

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*