La Pompei della Grande Guerra

Storia

La Pompei della Grande Guerra

Durante i lavori per la costruzione di una superstrada presso Carspach, in Alsazia, a pochi chilometri dal confine tedesco, è stata rinvenuta una grande fossa comune con i corpi di 21 soldati tedeschi impegnati nella Prima Guerra Mondiale perfettamente conservati, nonostante i 94 anni trascorsi dalla loro morte; presumibilmente sepolti vivi in seguito un bombardamento sulla loro trincea. La particolarità del ritrovamento sta nel fatto che molti dei cadaveri sono stati rinvenuti nella stessa posizione di quando sono stati sepolti, cosa che ha fatto facilmente scattare il paragone con i più famosi morti di Pompei, sepolti dalla lava. In questo caso è stato il fango di cui vennero ricoperti dopo la morte a permetterne una così perfetta conservazione. Oltre ai resti umani sono stati ritrovati anche svariati effetti personali degli uomini ivi sepolti, come stivali, utensili, bottiglie, bicchieri, sigarette e persino una capra, che durante la guerra forniva latte fresco ai soldati. Adesso gli archeologi continueranno negli scavi per cercare altri interessanti reperti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

docce
Scuola

Si scrive doccie o docce?

25 maggio 2017 di Notizie

La lingua italiana nasconde spesso alcuni “tranelli”. La formazione del plurale di alcune parole, come “doccia” appunto, rientra tra questi. Scopriamo la regola grammaticale e le sue eccezioni.

Loading...