La preghiera può fare Miracoli

Attualità

La preghiera può fare Miracoli

Numerose ricerche scientifiche hanno dedicato grande attenzione all’efficacia delle orazioni nei percorsi di cura e guarigione dei pazienti. Nell’ambito medico-scientifico, lo studio più convincente è stato condotto dal cardiologo Randolph Byrd e pubblicato dalla rivista “The Lancet” nel 2006. Il medico divise in modo del tutto casuale in due gruppi i circa 400 pazienti che aveva in cura presso l’Ospedale generale di San Francisco (unità coronarica).

Il primo gruppo veniva costantemente ricordato nelle preghiere di alcuni fedeli, mentre per gli altri pazienti non pregava nessuno. Dopo dieci mesi, Byrd rilevò che le condizioni di salute dei pazienti per i quali si era pregato erano visibilmente migliorate, si erano verificati meno decessi e un forte calo della richiesta di antibiotici e diuretici. Molti erano scettici di fronte all’esito di tale ricerca, ma la maggior parte dei medici non potè far a meno di tenere in considerazione la possibilità che le preghiere abbiano un forte influsso durante il percorso di guarigione.

Le ricerche sono proseguite.

Il National Institute of Health ha rilevato, nel 1998, che i soggetti che pregavano abitualmente frequentando luoghi di culto e leggendo con regolarità i testi sacri, presentavano livelli di pressione sanguigna notevolmente più bassi rispetto a chi non era praticante. Secondo molti studi, la preghiera ha effetti benefici sulla pressione alta, il mal di testa, gli stati di ansia, le ferite. Per gli sportivi esiste la “prayer therapy”: attraverso la preghiera e la meditazione il corpo è più efficiente nelle prestazioni sportive.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...