La pressione alta in gravidanza legata ai difetti di nascita

Wellness

La pressione alta in gravidanza legata ai difetti di nascita

I bambini nati da donne che soffrono di pressione alta in gravidanza possono essere a maggior rischio di difetti alla nascita, secondo la ricerca sul British Medical Journal.

I farmaci assunti da donne in gravidanza per l’ipertensione – enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) – sono noti per avere un effetto tossico sul feto durante il secondo o terzo trimestre.

Ma i ricercatori guidati dal dottor De-Kun Li della Kaiser Foundation Research Institute in California, hanno cercato di scoprire se prendere gli ACE-inibitori nel primo trimestre ha causato difetti di nascita. Hanno studiato le cartelle cliniche di 465.754 coppie di madri e neonati in California tra il 1995 e il 2008, e hanno concluso che, i farmaci non hanno causato malformazioni, l’ipertensione sottostante potrebbe aumentarne il rischio.

Una su 200 madri ha un bambino con una sorta di difetto di nascita. La ricerca mostra che, per le persone con ipertensione, il rischio sale fino a 1,25, o cinque in 800.

La pressione alta aumenta il rischio di un bambino con un difetto cardiaco congenito del 41% e di avere un difetto del tubo neurale, che può causare gravi disabilità come la spina bifida, del 43%.

Il professor James Walker, senior vice-presidente del Royal College degli Ostetrici e Ginecologi, ha detto che lo studio aveva risolto un dilemma confermando che le donne possono assumere ACE inibitori, sia prima del concepimento e nei primi mesi di gravidanza senza problemi.

“Mentre questo lavoro ci dice che l’ipertensione è associata ad un lieve rischio aumentato di difetti alla nascita, il fumo e il consumo eccessivo di alcol in gravidanza sono i rischi maggiori di ipertensione,” ha aggiunto.

Il professor Alastair MacLennan, professore e capo della disciplina di ostetricia e ginecologia presso l’Università di Adelaide in Australia, ha dichiarato: “Per il grande pubblico, il messaggio è che per ridurre i rischi di pressione alta e diabete in gravidanza le donne non dovrebbero riprodursi troppo tardi, cioè oltre i 35 anni, dovrebbero evitare l’obesità e, se diabetiche, dovrebbero avere un buon controllo del glucosio prima di provare a rimanere incinta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

hand-351277_960_720
Salute

Come combattere le rughe con rimedi naturali

27 luglio 2017 di Maura Lugano

Sono le nemiche numero uno di ogni donna di ogni età, sono le rughe, le tanto odiate rughe, segno del tempo che passa, testimoni di una bellezza che di giorno in giorno cambia e si evolve. Le rughe, tra l’altro, iniziano ad essere il cruccio degli uomini, sempre più interessati al loro aspetto, e che talvolta attingono direttamente dalle donne i consigli per prendersi cura di sé, anche dei propri segni del tempo che passa.
La grande attrice Anna Magnani implorava i truccatori che non le coprissero nemmeno una delle rughe del viso, per lei esse erano simbolo delle esperienze belle e brutte della vita, ma oggi giorno si inizia presto a prendersi cura di questo problema, ogni donna ci tiene ad avere un aspetto giovane che le dia sicurezza, compiacimento e che susciti ammirazione.
Tante donne, soprattutto quelle che per varie ragioni vedono sul proprio viso apparire segni marcati di invecchiamento, desiderano un viso più piacevole, ma non vogliono ricorrere alla siringa o al bisturi, oppure non ne hanno la possibilità. Sono sempre più numerose quelle che cercano delle soluzioni naturali e dei prodotti naturali, in questa loro ricerca sicuramente possono trovare un aiuto e anche una soluzione.