La prevenzione che parte dalla tavola. - Notizie.it

La prevenzione che parte dalla tavola

Aziende

La prevenzione che parte dalla tavola

Oramai si parla di impatto zero un po’ dappertutto, anche sulla tavola. Prima ancora sulla lista della spesa. Qualche giorno fa, infatti, l’Environmental Working Group, l’organizzazione internazionale che si occupa di prevenzione ambientale, ha reso nota la perfetta lista della spesa, per mangiare sano e soprattutto per poter rispettare l’ambiente. Sembra strano, ma le sorti del pianeta, sembrerebbero passare anche da ciò che compriamo al supermercato. E quindi, via dal nostro carrello costolette, hamburger, mozzarelle, parmigiano e salmone. Riempirlo invece con carni bianche, tonno e uova. Frigo un po’ vuoto, ma almeno chi ha a cuore l’ambiente può aiutarlo in questo modo, facendo un po’ di spazio in cucina.
Secondo alcune ricerca, cibi come le carni di allevamento rosse, rappresenterebbero uno spreco ed anche un fattore di inquinamento, in quanto si utilizzerebbero fertilizzanti, mangimi, pesticidi ma anche combustibili necessari per la macellazione e il trasporto. Tutto ciò, è stato tradotto in termini di CO2, può far veramente riflettere e iniziare a pensare in un modo un po’ diverso il nostro rapportarci quotidianamente all’ambiente.
Quelli che sono stati presi in considerazione, sono le grandi industrie di allevamenti degli Stati Uniti e dell’occidente in generale, dove l’uso di elementi inquinanti, sia per la coltivazione e sia per l’allevamento, è largamente diffuso.

Quindi il consiglio che proviene dall’Environmental Working Group, è quello di iniziare col mangiare qualche hamburger in meno alla settimana, di farlo solo una volta. E c’è ancora un esempio alquanto eloquente, secondo cui, se tutti gli americani, mangiassero formaggio solo una volta a settimana per almeno un anno, sarebbe come togliere dalle strade 7,5 milioni di automobili. Provate voi a tirare le somme.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche