La provocazione del sindaco leghista Buonanno: ‘Darò 250 euro a chi si compra un’arma’

Cronaca

La provocazione del sindaco leghista Buonanno: ‘Darò 250 euro a chi si compra un’arma’

foto youtube
foto youtube

Il sindaco leghista di Borgosesia, Gianluca Buonanno, ha tirato fuori un’altra delle sue provocazioni, dopo la vicenda dell’omicidio volontario del pensionato di Vaprio D’Adda, che per difendere la sua proprietà dall’incursione di un ladro, lo ha freddato sparando colpi di pistola. Il sindaco, che è anche parlamentare europeo, non nuovo a provocazioni simili, ha specificato alla stampa come si articola il suo ‘bonus pistola’ che sarà concesso a coloro che si doteranno di un’arma per tutelare il proprio patrimonio e la propria abitazione dalle visite dei ladri: ‘Al pari dei cittadini italiani onesti – ha dichiarato Buonanno – ne ho piene le scatole anche io: sono stanco di vedere chi è costretto a difendersi in casa propria dall’assalto di delinquenti senza scrupoli sedersi tra i banchi degli imputati e venire sottoposto ad una vergognosa gogna mediatica. Ho deciso di costituire nel Comune di cui sono sindaco, Borgosesia, un fondo per incentivare l’acquisto da parte dei cittadini di una pistola‘.

L’iniziativa provocatoria fa seguito alle critiche piovute addosso al pensionato omicida, la cui iniziativa è stata invece ‘applaudita’ da buona parte dei suoi concittadini, stanchi di subire furti nelle proprie abitazioni, spesso con sistemi violenti che si concludono con ferimenti o peggio ancora omicidi ai danni di cittadini onesti.

La mia intenzione è quella di aumentare – ha proseguito il sindaco leghista – la capacità di difesa e la sicurezza dei miei concittadini.

Ho parimenti richiesto alla Commissione Europea di costituire un fondo analogo affinché anche da Bruxelles possa arrivare un sostegno economico per la difesa dei cittadini‘.

Buonanno ha poi manifestato la solidarietà alle forze dell’ordine, costretti ad adempiere al loro dovere, con risorse sempre più limitate: ‘Do il pieno appoggio alle forze dell’ordine che, nello svolgere con mezzi e risorse sempre più ridotte il loro dovere, vedono uscire dopo poche ore i delinquenti pluripregiudicati che hanno appena arrestato. Il governo, con le sue leggi svuota-carceri, privilegia come sempre chi delinque anziché tutelare e difendere gli italiani onesti. E allora io dico meglio i cimiteri pieni di delinquenti che le carceri vuote‘.

Leggi anche