La riqualificazione dell’hotel Grande Bretagne COMMENTA  

La riqualificazione dell’hotel Grande Bretagne COMMENTA  

Si deve ad Emanuele Galbusera, deciso a realizzare il sogno del padre Mario, fondatore della Lampre di Bernareggio, la riqualificazione del maestoso hotel Grande Bretagne.

Situato a Bellagio, monumento alla nostalgia già nel 1960, grazie alle scene girate da Luchino Visconti, per il film “Rocco e i suoi fratelli”, è formato da più di duecento stanze e da un parcheggio, ricavato dagli oltre duemila metri quadrati concessi dal Comune lombardo, in cambio di vari obblighi di urbanizzazione.

Nessi,_Antonio_(1834-1907)_-_Veduta_di_Bellagio_-_Lago_di_ComoInteressanti gli intenti dell’ingegnere Igor Pescialli e dell’architetto Alessandro Zarinelli, come lasciare inalterata la struttura dell’hotel.

Con tale riqualificazione cambia quindi il modo di spostarsi in paese, verso uno stile di vita sostenibile: meno auto, più passeggiate a piedi, con il lago usato come grande via di comunicazione.

Con dei mini pontili, infatti, i turisti si spostano da una frazione all’altra del lago, così come nella splendida e romantica Venezia. Questo il progetto della Grimit, la società immobiliare della famosa famiglia.

 

assessore bellagio luca leoniUn vero e proprio contributo alla città, oltre che al turismo, che offre agli Italiani e agli stranieri un pezzo di storia davvero unico,  di cui è soddisfatto l’Assessore al Turismo di Bellagio Luca Leoni, che dichiara :Stanno iniziando a spendere soldi per la comunità ancora prima di partire con la ristrutturazione”. Un aspetto lodevole, se si pensa al connubio tra attività imprenditoriale e amministrazioni pubbliche, dove gli alberghi riqualificano l’ambiente e il territorio, invece di deturparlo, come spesso avviene. 

 

[galleria]

1 / 6
1 / 6
  • Una foto storica del lago di Bellagio
  • hotel bellagio 1
  • Il lido di Bellagio, sulle sponde del lago
  • La maestosa scala interna dell'hotel
  • Le caratteristiche finestre e i balconi dell'hotel
  • Il maestoso albergo

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*