La riscoperta di Schiavone al Museo Correr

Mostre

La riscoperta di Schiavone al Museo Correr

La riscoperta di Schiavone al Museo Correr
La riscoperta di Schiavone al Museo Correr

Il Museo Correr, dal 28 novembre, ospita 140 opere di uno dei grandi pittori rinascimentali della Venezia cinquecentesca.

Schiavone, nome col quale era meglio conosciuto Andrea Meldolla, nacque a Zara nel 1510 e sin dagli esordi ebbe come modelli ispiratori le opere di Tintoretto, Francesco Salviati e del Parmigianino. La sua fama si spinge oltre i confini veneziani: infatti, già tra ‘500 e ‘600 alcune sue opere vengono acquistate da Leopoldo de’ Medici e da Leopoldo Guglielmo Asburgo, collezionate da nomi prestigiosi come Bartolomeo dalla Nave e Jan Rynes.

Vasari, uno dei più grandi studiosi di storia dell’arte italiani, lo apprezzava molto. Malgrado il suo giudizio positivo, non mancarono invece i pareri a sfavore. La sua pittura fu assolutamente nuova e audace, nelle sue tele c’è colore, movimento e luce. Il suo rinascimento è stato definito come “informale”, ma forse proprio per questo Schiavone aveva tanto affascinato Tiziano e anticipato Rembrandt.

Ora Venezia torna a riscoprire il pittore che incarnava in sè “una certa pratica che s’usa a Vinezia, di macchie o vero bozze, senza esser finita punto” (Vasari). Le opere di Schiavone per la prima volta si trovano riunite in una sola mostra: 140 le opere in esposizione provenienti di musei e collezioni private, dalla Royal Collection di Elisabetta II, dal Kunsthistoriches Museum e dall’Albertina di Vienna, dal Metropolitan Museum of Art di New York, dall’Accademia Croata di Scienze e Arti di Zagabria, dalla Gemälde Galerie di Dresda, dal Musée du Louvre di Parigi e dal British Museum di Londra.
Questa prima grande monostrafica su Andrea Schiavone è una iniziativa promossa dalla Fondazione Musei Civici di Venezia e cofinanziata da 24 Ore Cultura.

I curatori della mostra sono stati Enrico Maria Dal Pozzolo e Lionello Puppi: nel loro intento non solo far scoprire al pubblico l’opera di uno dei pittori più stimati e apprezzati della Serenissima del ‘500, ma anche promuovere la ricerca e gli studi sul pittore dalmata e sul Cinquecento italiano in senso più largo.
Il museo che ospiterà questa ampia collezione di lavori di Schiavone (comprendenti non solo tele, ma anche disegni ed incisioni) sarà il Museo Correr a Piazza San Marco, Venezia. L’inaugurazione è fissata per il giorno 28 novembre, mentre il giorno di chiusura è per il 10 aprile 2016.

1 Trackback & Pingback

  1. La riscoperta di Schiavone al Museo Correr | Braincell

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche