La Robotica B

Cultura

La Robotica B

astronave
Norby, oggi, studierà algoritmi complessi della programmazione informatica, dopo alcuni tentennamenti iniziali: si dimostra veloce nel risolvere i quesiti informatici di logica, e inizia a programmare i computer con linguaggi avanzati, sconosciuti ai più. Maria inizia a scrivere sul proprio pc la settimanale relazione della sperimentazione su Norby: “Il robot che mi è stato affidato per la prima fase di test si chiama NORBY, è una macchina d’acciaio e di titanio che pensa quasi come un essere umano qualunque. Assomiglia in tutto e per tutto all’uomo moderno, è dotato di un eloquio notevole unito ad intelligenza eccellente. Ha studiato con molto interesse le discipline umanistiche ed è anche bravo nelle materie tecniche e scientifiche. Sa risolvere problemi matematici e di logica con una velocità incredibile; nello sport sembra un marziano calato sulla Terra: corre come un siluro, ed è dotato di un’ottima falcata. Tutti questi preziosi elementi mi portano ad affermare con forza e vigore che la prima fase sperimentale è da ritenersi conclusa.

In attesa di vostre delucidazioni, vi porgo cordiali saluti, Maria Cosmi”. Il direttore dell’IRI appare subito entusiasta della sperimentazione: sta balenando l’ipotesi di coinvolgere Maria più direttamente nella gestione dell’ente di ricerca. Maria le sembra un ottimo elemento, dotata di un profondo senso critico e dotata di notevoli capacità intellettuali. Le prime fasi di sperimentazioni su Norby sono durate oltre 2 mesi: il robot rientrerà ora all’IRI per essere sottoposto ad una nuova serie di modifiche per accrescerne le doti intellettive e stimolarne l’apprendimento di nuove discipline complesse. Grazie al lavoro di alcune spie gli alieni riescono a predisporre di un piano segreto di infiltrazione nell’IRI: gli alieni vogliono conoscere i dettagli scientifici degli studi sulla robotica e sull’intelligenza artificiale. Gli alieni si interrogano di frequente sul possibile utilizzo delle macchine d’acciaio nella loro economia interplanetaria. Una nuova generazione di robot può far gola a molte civiltà dello spazio immenso incommensurabile.

In effetti i robot sono macchine complesse che riescono a compiere le più svariate mansioni con un grado di affidabilità di gran lunga superiore ad un essere umano qualsiasi. Gli alieni sono ancora indecisi se invadere o meno la Terra: stanno valutando il corso della Storia Moderna; troppe sono le incognite da valutare. Stanno catalogando il corso degli eventi del Novecento: il Nazismo, la guerra fredda e le guerre fratricide in atto nel pianeta Terra. Vogliono capire con chi avranno a che fare, se gli umani sono affidabili e idonei a vivere nelle colonie interplanetarie. Le astronavi degli alieni sono di gran lunga superiori alla tecnologia umana più avanzata: le astronavi scompaiono a contatto con l’atmosfera, sono di metallo grigio lucente; emettono un’energia acuta che polarizza il sistema nervoso centrale, che li rende soggiogati al volere alieno.
Il GRAN CONSIGLIO degli Alieni si riunirà fra poco tempo: tutte le preziose informazioni raccolte saranno catalogate e valutate da una commissione di esperti, persone che hanno girato in lungo e in largo per l’Universo.

Saranno studiate attentamente le informazioni riservate raccolte e decisive per le scelte epocali da compiere. L’alba del domani rappresenta un nuovo giorno: elisir di nuova vita o perenne giovinezza, tutto potrà portare ad una nuova dinamica degli eventi umani. E come reagirebbero gli umani dinanzi ad un’ipotetica invasione aliena? Antichi odi e guerre intestine paiono rendere precaria l’alleanza fra popoli della Terra che si odiano tra di loro: troppe sono le differenze socio-politiche. I Grandi della Terra sono sempre in lite tra di loro per il controllo delle risorse del sottosuolo; l’odio reciproco cambierà per sempre la Storia Moderna: antichi edifici imperiali e eventi storici complessi paiono rendere sempre più discutibile l’esistenza del genere umano stesso. Gli alieni stanno valutando quest’unione di elementi nuovi: tutto sembra indicare la nuova fase di declino della Terra. La dinamica degli eventi umani si muoverà secondo un nuovo corso della Storia Moderna Umana.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche