La solidarietà di SLAncio di vita

 

Lo scorso 11 luglio allo Stadio Olimpico di Torino si è tenuto il “Concerto SLAncio di vita” voluto dallla Fondazione Vialli e Mauro per la ricerca e lo sport onlus.

Leggi anche: Circoncisione: neonato muore dopo operazione in casa

Uno “slancio di vita” è lo slogan che ben riassume il rapporto che si è creato tra la Nova COOP e la Fondazione Vialli e Mauro. Un rapporto di fiducia e di stima reciproca grazie al quale in questi ultimi mesi è stato possibile realizzar numerose iniziative importanti non solo per l’entità delle somme raccolte tra i soci e consumatori COOP e destinate a sostenere progetti specifici finanziati dalla Fondazione.

Leggi anche: Torino jazz festival quinta edizione 2016

Si sono rivelate preziose occasioni per informare e sensibilizzare i clienti dei supermercati e ipermercati COOP del Piemonte sulla malattia e l’importanza di sostenere la ricerca.

Paola Perego, Angelo Baiguini, Modà, Gigi d’Alessio, Anna Tatangelo, Marco Berry sono alcuni dei nomi celebri che si sono prestati gratuitamente per una serata all’insegna della belle musica, della solidarietà raccogliendo migliaia e migliaia di persone.

L'articolo prosegue subito dopo

Sul palco si è parlato di SLA grazie alla lettura “Siamo tutti remi” di Omar Turati, affetto dalla malattia. La riuscita dell’evento è certamente merito dei nomi di prestigio invitati dagli organizzatori, Fondazione Vialli e Mauro e dall’organizzazione generale di Lucio Presta. La Fondazione nasce proprio nel capoluogo sabaudo per volontà di   soci : Gianluca Vialli, Massimo Mauro e Cristina Grande Stevens; opera dal 2004 con l’obiettivo di portare avanti attività di raccolta fondi e organizzare eventi per finanziare la ricerca sul cancro e sulla SLA, malattia neurodegenerativa a decorso progressivo per la quale non ci sono ancora cure poichè le cause del suo manifestarsi sono molto scarse. Per quello che da circa 8 anni il moto della Fondazione è ” per i malati la ricerca è speranza…. e la speranza è vita!”.

Leggi anche

circoncisione
Attualità

Circoncisione: neonato muore dopo operazione in casa

Neonato ghanese muore in seguito a un'infezione causata da una circoncisione casalinga. La madre del bimbo iscritta nel registro degli indagati. Non aveva nemmeno due mesi, il piccolo Henry, quando i medici del 118 hanno cercato invano di salvargli la vita. Figlio di una coppia ghanese di fede musulmana, il bimbo è morto in ospedale dopo essere stato soccorso in condizioni già gravissime. A causarne il decesso una grave infezione in seguito a una circoncisione in casa. Il fenomeno della circoncisione è tutt’oggi molto diffuso nelle comunità musulmane ma, a differenza delle comunità ebraiche, esso spesso avviene senza il supporto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*