La Stampa si allea con Google

Attualità

La Stampa si allea con Google

Il quotidiano La Stampa si allea con Google. Uno specchio dei tempi, verrebbe da dire, citando una delle rubriche più popolari della testata torinese: il vecchio (l’atto di nascita del giornale recita 1867, anche se il nome attuale risale al 1894) si allea con il nuovo, quello che da motore di ricerca numero 1 è ormai diventato media company a tutti gli effetti, anche se i vertici della società rifiutano questa etichetta. Come scrive Mario Calabresi, direttore responsabile della Stampa, “l’editoria tradizionale, quella che state leggendo in questo momento, sta perdendo peso e capacità di conquistare il cuore, la mente e soprattutto gli occhi dei lettori”. Consapevole di questa sconfitta, il quotidiano ha deciso di non demonizzare il nuovo, ma di allearcisi: “un progetto con Google, che si chiama Dni (Digital News Initiative) per portare innovazione nelle redazioni europee”. Un’iniziativa condivisa con altri 8 giornali europe (tra di essi, El País, The Guardian, Financial Times, Frankfurter Allgemeine Zeitung) e che ha “come finalità quella di aumentare il numero di lettori, il loro tasso di attenzione e i ricavi, perché solo un giornalismo che ha i conti a posto è un giornalismo veramente libero da pressioni e condizionamenti”. Con l’idea portante e forte di “studiare prodotti nuovi, di immaginare soluzioni innovative per la pubblicità, i video e le applicazioni, un’opportunità per tutto il sistema perché ciò che nascerà sarà a disposizione di chiunque voglia sperimentare nuove strade e non solo del gruppo dei fondatori”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche