La storia dei mobili Chippendale

Guide

La storia dei mobili Chippendale

I mobili Chippendale sono noti per la loro attenzione al dettaglio e all’eleganza. Uno dei pezzi Chippendale più famosi è la sedia. I mobili Chippendale si caratterizzano per il loro legno scuro intagliato, realizzato nello stile popolare in Inghilterra nel 18esimo secolo. Tale stile incorpora i motivi comuni inglesi con quelli cinesi e gotici.

Storia

Thomas Chippendale nacque nel 1718 nel West Yorkshire, Inghilterra. Era noto per essere un innovatore che pubblicò uno dei primi libri di arredamento. Il libro elenca i modelli di arredamento inglese in voga alla metà del 18esimo secolo.

Significato

Chippendale prese dei modelli già esistenti, come la comune sedia da sala da pranzo, e vi infuse il suo stile, che includeva degli intagli eleganti sulle gambe delle sedie. Ciò significava un distacco coraggioso dalla rigidità e la natura regale dell’arredamento tradizionale fino a quel momento.

Benefici

Il suo libro divenne noto in tutto il mondo.

Il suo stile fu imitato da altri fabbricatori di mobili, dall’America all’Asia, durante questo periodo.

Tipi

Caratteristica dei mobili Chippendale è l’elegante gamba Cabriole in stile Regina Anna, che include una curva peculiare nel legno ai piedi della gamba. Un altro stile caratteristico Chippendale è la zampa di leone. Il piede della gamba ha la forma di una vera zampa di leone.

Identificazione

L’autentico mobile Chippendale è irregolare, perchè tutti i pezzi erano realizzati artigianalmente. Questo è un modo per i collezionisti per identificare un vero mobile Chippendale da una riproduzione, oltre alla datazione al carbonio del legno.

Considerazioni

Il Chipendale americano differsice da quello europeo, non nello stile delle gambe o dei piedi, ma in quello della seduta. Il Chippendale americano ha sedute a forma di fagiolo. In america, tra i realizzatori di mobili Chippendale vi erano anche i Quaccheri, e varie generazioni all’interno delle famiglie Townsend e Goddard.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*