La storia della casa degli specchi COMMENTA  

La storia della casa degli specchi COMMENTA  

Le case degli specchi hanno superfici curvate che impediscono la luce e distorcono l’immagine, il che rende l’apparenza sproporzionata. Le case di specchi sono standards in molti parchi divertimento per quasi un secolo, per lo meno fino al 1950.


I primi specchi erano in metalli come oro, argento e bronzo e sin da subito hanno fatto parte delle case di specchi, dando la sensazione di una realtà distorta.


Le prime case di specchi ebbero luogo in Francia, nella Reggia di Versailles, grazie a Luigi XIV che le commissionò. Ispirato da Versailles, Stuyvesant costruì una casa di specchi in Olanda nel 1651. Il parco Playland di New York è stato il primo Parco ad avere una casa degli specchi tra le sue attrazioni.


Negli anni ’70 e ’80 il grande costo di queste case ha fatto sì che non si potessero più aprire. L’immagine degli specchi che distorcono la realtà sono ancora oggi fonte di divertimento nei parchi divertimento.

L'articolo prosegue subito dopo

Alcune di questi specchi si trovano nelle fiere o in alcuni parchi a tema.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*