7 respingimenti. La storia di Airbnb.

La storia di Airbnb: 7 respingimenti

Viaggi

La storia di Airbnb: 7 respingimenti

Articolo sponsorizzato da:
Guest Hero è la società leader nella gestione degli appartamenti in affitto breve. Ci occupiamo di tutto, dal check in ad ampliare la visibilità del tuo appartamento online! Siamo degli eroi per i tuoi ospiti. Conosciamoci: www.guesthero.com
7 respingimenti. La storia di Airbnb.
7 respingimenti. La storia di Airbnb.

Fondare una start up e, fare la successiva raccolta di fondi, non è impresa semplice. Non ci si rende conto di ciò finchè non si prova realmente. Anche le start up di maggiore successo hanno dovuto superare questa difficoltà. Fidarsi delle proprie intuizioni, anche se possono sembrare bizzarre, a volte può rivelarsi la scelta migliore. Se gli investitori le considerano inusuali, non significa che lo siano davvero perchè la maggior parte di loro fanno l’errore si sopravalutare le buone idee. Quindi…Continuate! Un esempio brillante è quello di Brian, Joe e Nate che, grazie alla loro procrastinazione sono riusciti a creare un colosso, il sito Airbnb, ignorando completamente i molteplici rifiuti iniziali.

Brian Chesky, amministratore delegato di Aribnb, racconta la sua storia in un post su Medium, pubblicando le 7 email di rifiuto che ha ricevuto da 7 potenziali investitori della Silicon Valley a cui si era rivolto per trovare capitali al battesimo del sito.

La storia che Brian ha reso pubblica e le relative email che giustificano i motivi di rigetto delle società, danno un’immagine nitida di quanto sia semplice, per una start up ai primi passi, essere rifiutati da possibili finanziatori prima di realizzarsi pienamente. La neonata società, Airbnb, è stata fondata nel 2008, anno in cui stava cercando di raccogliere 150 mila dollari che allo stato attuale rappresenta solo il 10% di Airbnb, dato che, oggi vale 25,5 miliardi di dollari. Delle 7 società interpellate, 5 declinarono la richiesta di finanziamento e le due restanti non si presero neppure la briga di rispondere.

Probabilmente, la vera ragione dei vari rifiuti iniziali è la percentuale del rischio, e questo non si può basare sulle impressioni del giovane fondatore.

E’ interessante inoltre ricordare che la maggior parte degli imprenditori di maggior successo non si sono fatti scoraggiare da rifiuti ricevuti inizialmente e la storia di Aribnb fornisce un eccellente esempio.

Abbiamo già detto che allo stato attuale Airbnb vale 25,5 milioni di dollari? Quindi, la prossima volta che vi balenerà in mente un’idea che reputate straordinaria e viene rifiutata, pensate alla sua esperienza e andate fino in fondo continuando a crederci!

Di seguito le email ricevute (e poi pubblicate) da Brian:

  • 16/7/08.

    Grazie per la presentazione, piacere di conoscerti. In effetti sembra interessante ma purtroppo non rientra nel nostro campo. Ti auguro buona fortuna.

  • 30/07/08. Mi sono confrontato con il mio socio, non è uno dei nostri primi cinque mercati, quindi il nostro coinvolgimento nella tua proposta non è fattibile. Inoltre, non è un campo in cui stiamo investendo. Non possiamo garantirti l’esperienza che necessita la vostra società. Vi consiglio di tenerci aggiornati, se arriverete ad un tipo di investimento di serie A . Per favore, fateci sapere e ci daremo un’occhiata.
  • 1/8/08. Ciao Brian, ci scusiamo per il responso negativo ma ne abbiamo discusso a livello corporate e sfortunatamente non riteniamo sia una buona opportunità per noi. Il mercato potenziale non sarebbe abbastanza vasto per i nostri standard.
  • 2/9/08. Brian, non sono stato reperibile al telefono oggi ed, inoltre, sarò fuori città da Martedì. Ammiro i progressi che voi giovani state compiendo, ma tra ABB e altri miei progetti, in particolare investimenti che dovrò effettuare, non sono in grado di procedere al vostro caso .
  • 28/10/08.

    Brian, abbiamo deciso di non prendere in considerazione la tua proposta. Siamo sempre stati contrariati nella categoria dei viaggi. Certamente è uno dei migliori settori di negozi online, ma non troviamo ragioni per lanciarci in questo tipo di business.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche