La storia di Allison e Amelia, le gemelle siamesi

gemelle siamesi

Una storia di coraggio, ancora prima di venire al mondo. E’ quella di Allison June ed Amelia Lee, due gemelline siamesi.  La loro nascita è avvenuta nel 2012 e già dall’ecografia i medici avevano capito che le cose non sarebbero state semplici; i dottori hanno infatti notato la malformazione delle due piccole e dopo averlo comunicato ai futuri genitori, la paura e la preoccupazione si erano fatte strada in loro. Il parto e la successiva operazione per separare le due bambine non sarebbero purtroppo state facili, con il rischio di grandi complicazioni.

Leggi anche: Siria, colloqui fra Usa e Russia stanno per essere sospesi


Ma i genitori non hanno mai perso la speranza e le loro due figlie hanno dimostrato, fin dagli istanti successivi la loro venuta al mondo, di voler vivere una vita normale, superando al meglio l’operazione per separarle.

Leggi anche: Passa le salviette deumidificate sul volto della figlia, rimane ustionata

Torace, fegato, diaframma e pericardio (la membrana che avvolge il cuore) erano in comune, dunque l’inteervento per ‘dividere’ le gemme Tucker non è stato semplice, con ben 40 medici impegnati attivamente.

Sono trascorsi quattro anni da quel giorno, ma oggi le gemelline stanno bene e vivono una vita serena.

Leggi anche

siria
Esteri

Siria, colloqui fra Usa e Russia stanno per essere sospesi

I colloqui fra Usa e Russia sulla Siria potrebbero interrompersi a breve. Dopo il fallimento della tregua, la situazione è precipitata. E' arrivata dagli Stati Uniti la notizia del probabile fallimento dei colloqui con la Russia in merito alla situazione in Siria. Il tentativo di rappacificazione del paese potrebbe naufragare dopo che nelle scorse settimane era stato per la prima volta trovato un accordo per la tregua. "Siamo sul punto di sospendere la discussione" con la Russia sulla Siria, ha dichiarato il segretario di stato americano John Kerry, "perchè è irrazionale nel contesto del bombardamento in atto stare seduti lì Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*