La vespa assassina COMMENTA  

La vespa assassina COMMENTA  

Vespa assassina
Vespa assassina

La vespa assassina produce un veleno che può sciogliere la carne umana. Una donna giapponese ha trovato in mezzo ai vestiti contenuti nel suo armadio un insetto gigante. L’insetto gigante era la Vespa Mandarina o calabrone gigante asiatico, meglio conosciuto come Vespa assassina.

Leggi anche: 10 film da vedere in coppia a San Valentino


La specie è originaria dell’Asia orientale ed ha delle vere e propri dimensioni oversize, può infatti raggiungere, nel caso della regina, i 55 mm di lunghezza, per un’apertura alare di 76 mm.

Leggi anche: 10 novembre: Ennio Morricone compie 88 anni


Questa specie di Vespa causa tra le 20 e le 40 morti all’anno in Giappone a causa del suo potente veleno, che inietta attraverso un pungiglione che può raggiungere i 6 mm ed è in grado di corrodere i tessuti umani. La donna, che ha trovato l’insetto durante il weekend, non è stata punta, anzi e ha affrontato l’animale gigante con un compasso.


La vespa mandarina presenta delle caratteristiche salienti che la distinguono dagli altri insetti nostrani della stessa tipologia. Prima di tutto, la colorazione del corpo e della testa sono abbastanza unici.

L'articolo prosegue subito dopo

Inoltre, il peziolo, cioè la congiunzione tra torace e addome e’ molto sottile. Il numero delle vespe assassine è cresciuto notevolmente negli ultimi mesi a causa dell’aumento globale della temperature. Secondo alcuni poi, ci sarebbero diverse segnalazioni che riporterebbero la presenza di questi insetti anche in Europa. Per loro natura, queste vespe non sono aggressive. I casi di attacco si registrano quando qualcuno si avvicina a distanza inferiore a 10 metri al nido degli animali. In questi casi, come e’ lecito e normale nel mondo animale, scatta l’allarme e la puntura e’ un meccanismo di difesa degli insetti.

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*