Labbra secche e bocca asciutta: da cosa dipendono questi sintomi? COMMENTA  

Labbra secche e bocca asciutta: da cosa dipendono questi sintomi? COMMENTA  

Avete sempre le labbra secche e la bocca asciutta? Ecco i sintomi, le cause ed i rimedi

La bocca seccaxerostomia, è quella spiacevole sensazione di aridità sulla lingua e sulle pareti interne della cavità orale che provoca disagio e rende impossibile masticare, deglutire e parlare. A volte capita di bere poco durante la giornata e di ritrovarsi con la bocca secca: questa è una cattiva abitudine che porta problemi di disidratazione del corpo, oltre all’impossibilità di masticare, deglutire ed interloquire. Altre volte avere la bocca “impastata” nasconde problemi e cause ben più gravi che devono essere indagate.

Leggi anche: Zolfo e bucce d’arancia, la soluzione per depurare l’acqua dal marcurio


Quali sono i sintomi della xerostomia? Si avverte una sensazione di fastidio, il sapore dei cibi è alterato, le papille gustative non recepiscono i gusti e gli aromi, la lingua è secca e quasi “incollata” al palato, vi sentite un gusto di amaro ed una sensazione di bruciore all’interno del cavo orale. Le labbra sono secche e screpolate, la gola secca e l’alito cattivo, in certi casi, avvertite problemi alle gengive ed ai denti.

Leggi anche: Depressione: l’impronta si trasmette da madre a figlia


Se assumete antistaminici, antidepressivi ed ansiolitici, questo fastidio può essere cagionato proprio dalla somministrazione di questi farmaci. Anche per i soggetti sotto il trattamento chemioterapico o radioterapico possono accusare molto spesso questa sensazione di secchezza delle labbra e la secchezza della cavità orale: si tratta di uno degli effetti collaterali che possono insorgere.


Un chiaro segnale, un vero e proprio campanello d’allarme: chi soffre di xerostomia e di labbra secche da troppo tempo, è bene che consulti un medico in quanto questo sintomo potrebbe essere legato alla presenza di una patologia nel nostro organismo. Potrebbe essere il campanello d’allarme precursore dell’insorgenza del morbo di Parkinson, del diabete, della depressione e, perfino dell’HIV. Anche il fatto di fumare troppo, oltre 10 sigarette al giorno, può inevitabilmente portare all’insorgenza di questo fastidio.

L'articolo prosegue subito dopo


Per rimediare a questo problema è bene seguire un regime dietetico ad hoc: bere molta acqua e sostanze liquide per favorire la buona idratazione dell’organismo, assumere poco sale e zucchero, evitare la teina e caffeina, smettere di fumare, consumare molta frutta e verdura ricca di acqua, prediligere i brodi, i minestroni e le zuppe in luogo della pastasciutta, consumare più pesce e carne bianca piuttosto che la carne rossa. Lontano dai pasti è bene masticare una chewingum o una caramella alla menta sugar free che consenta di stimolare la salivazione e non lasciarvi senza parole o con la bocca impastata. Prima di coricarvi a letto bevete una camomilla o una tisana con un cucchiaino di miele. Lavatevi spesso i denti ed utilizzate un collutorio con potente azione whitening e anti-alito cattivo.

Leggi anche

larry smith parkinson
Salute

Parkinson: malato prova la marijuana terapia. Un miracolo

La marijuana come terapia di alcune patologie. Emerge dai più rispettabili studi che il Thc,  il principio attivo delle foglie di cannabis,  rallenta o  arresta la progressione del Parkinson.   Un tipo di grave patologia che, lo ricordiamo, ancora non ha una cura efficace. La cannabis è una pianta davvero miracolosa creata da madre natura. Una serie di video mostra l'effetto straordinario della marijuana sul Parkinson. Un uomo uomo,  con il valido aiuto di un collega, prova la  marijuana medica per la prima volta. Con solo qualche goccia di olio di cannabis posizionata sotto la lingua, Larry che soffre di gravi Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*