Lady D: in mostra l’eleganza di Diana Spencer COMMENTA  

Lady D: in mostra l’eleganza di Diana Spencer COMMENTA  


Lady D: in mostra l’eleganza di Diana Spencer
Gli inglesi omaggiano la principessa del Wells mettendo in mostra i suoi abiti. Al Kensington Palace

Gli inglesi celebrano ancora una volta Lady D con una mostra che la ricorda attraverso gli abiti simbolo della sua impeccabile eleganza.


Mentre stampa e giornali si contendono ancora gli spalti per il realwedding, il matrimonio reale, quello fra William e Kate, principe e studentessa, nuovi riflettori si accendono su quella che fu ‘ la principessa del popolo‘.

Lady D viene celebrata ancora una volta con una mostra al Kensington Palace, da marzo a giugno 2012, un omaggio all’eleganza della donna che ammorbidì l’Inghilterra.


Kensington Palace aprirà le sale dedicate alla rassegna a partire dal 26 Marzo 2012 ed è parte di un progetto di rimodernizzazione del costo di 19 milioni di dollari dello storico spazio, giusto in tempo per il sessantesimo anniversario del trono della Regina Elisabetta II e per le Olimpiadi di Londra.


DIANA, così si chiamerà la mostra ospitata nella futura residenza del Duca e della Duchessa di Cambridge, vedrà in allestimento i più famosi abiti da sera da lei indossati. A cura dell’interior designer Finola Inger e da Julie Verhoeven, che ha creato la scenografia, con sfondi che raffigurano i momenti chiave in cui la moda si è mostrata parte integrante nella vita della Principessa del Galles.

L'articolo prosegue subito dopo


Fra gli altri, abiti di Catherine Walker, Bellville Sassoon Lorcan Mullany, Versace. Ci sarà anche il famoso abito nero di taffeta che Diana indossò ad un evento dieci giorni dopo l’annuncio del fidanzamento con il principe Carlo e che le diede lo status di fashion icon. Si tratta di una creazione del duo Elizabeth e David, i due stilisti che disegnarono anche il suo vestito da sposa.

Non seguo le regole. Io agisco con il cuore, non con la testa‘ Lady D.

Kensington Palace
26 Marzo 2012 – 30 Giungo 2012

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*