L’Albero della vita rimane a Expo: dalla prossima primavera ripartono gli spettacoli COMMENTA  

L’Albero della vita rimane a Expo: dalla prossima primavera ripartono gli spettacoli COMMENTA  

L’Albero della vita ha ormai messo le radici. E, dopo tante ipotesi sul suo possibile spostamento, adesso viene fuori che resterà esattamente dov’è: all’interno del sito dell’Expo di Milano, a Rho. A comunicare la soluzione di quello che era diventato un vero e proprio tormentone è stato il commissario unico di Expo Giuseppe Sala, intervenuto sul futuro del simbolo di Expo proprio nella giornata a esso dedicata: “È molto difficile l’idea di smontarlo e rimontarlo da un’altra parte”, ha detto Sala, che si era già espresso in maniera simile nel merito qualche giorno fa. Il commissario unico ha poi affermato che la struttura ideata da Marco Balich, insieme al Padiglione Italia e al Padiglione Zero, saranno le eredità materiali dell’Esposizione universale e potranno riaprire nella primavera del 2016.

Leggi anche: ZTL Palermo: pass, permessi, targhe alterne, strade interessate


Le ipotesi sullo spostamento dell’Albero della vita

In tanti negli scorsi giorni si erano fatti avanti per reclamare l’Albero della vita una volta terminato l’Expo, il prossimo 31 ottobre. Dalle ipotesi di tenerlo a Milano, ad esempio in piazzale Loreto, a quelle di spostarlo in città vicine – Brescia, da dove provengono le 30 aziende del consorzio Orgoglio Brescia che lo hanno costruito – o lontane, come Roma. Ma il destino della struttura di legno e acciaio, alta 35 metri, sarà all’interno del sito espositivo di Rho-Pero. Lì dove milioni di visitatori lo hanno fotografato nei sei mesi di manifestazione, assistendo agli spettacoli con musica, luci e fuochi d’artificio programmati ogni ora.

Leggi anche: Ztl a Palermo, da Ottobre: quali le aree interessate


La tecnologia dell’Albero verrà esportata all’estero
In un certo senso, comunque, l’Albero della vita travalicherà anche i confini del sito espositivo: secondo quanto ha riferito il suo ideatore, Marco Balich, molti Paesi si sono detti interessati alla tecnologia costruttiva della struttura, e hanno avviato contatti con il consorzio di imprese bresciano per la commercializzazione del know-how costruttivo alla base dell’albero.

Le notizie sul futuro dell’Albero della vita sono arrivate proprio nel giorno a lui dedicato: mercoledì 21 ottobre,dopo una parata mattutina, alle 19 il simbolo di Expo sarà celebrato con un concerto all’Open ait theatre del maestro Roberto Cacciapaglia, ideatore della colonna sonora “The tree of life” che accompagna tutti gli spettacoli.

Leggi anche

Piero Pelù: le foto delle schede elettorali che ho postato erano autorizzate
News

Piero Pelù: le foto delle schede elettorali che ho postato erano autorizzate

Piero Pelù cerca di rettificare il suo post e la sua denuncia, o se non proprio di rettificare di rivedere il suo messaggio, probabilmente da molti male interpretato. Nelle ultime ore sono state moltissime  le segnalazioni e le denunce in tutta Italia per casi di matite cancellabili e altre presunte irregolarità. Il segno lasciato delle matite copiative non può essere cancellato perché, anche qualora la gomma riesca a rimuovere la grafite, i pigmenti colorati rimangono. Quindi, se riuscite a cancellarlo, è sicuramente perché utilizzate una matita qualunque e non una matta copiativa. Così dichiara Piero Pelù stasera alle 19: "Per maggior informazione: le tre fotografie Leggi tutto

1 Trackback & Pingback

  1. L’Albero della vita rimane a Expo: dalla prossima primavera ripartono gli spettacoli | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*