Lapo Elkann: abusato sessualmente da ragazzo, voglio aiutare le vittime

Gossip e TV

Lapo Elkann: abusato sessualmente da ragazzo, voglio aiutare le vittime

Lapo Elkann: abusato sessualmente da ragazzo, voglio aiutare le vittime

“È il momento di dire la verità: dai 13 anni, in collegio, ho vissuto cose brutte. Parlo di abusi fisici. Sessuali. Non ne ho mai parlato perché voglio che questa storia serva a qualcuno. Sto pensando a una fondazione”.

È un’intervista fiume quella che Lapo Elkann consegna al Fatto Quotidiano per liberarsi, finalmente, del trauma. Elkann quindi si racconta a 360 gradi, includendo perfino le brutte esperienze che gli hanno condizionato tutta la vita.

“Da quando ho compiuto 13 anni ho vissuto cose dolorose che poi mi hanno creato grosse difficoltà nella vita”, spiega Lapo. “Cose capitate a me e ad altri ragazzi. Parlo di abusi fisici, sessuali. Mi è accaduto, li ho subiti. Altre persone che hanno subito cose simili non sono riuscite ad affrontarle. Il mio migliore amico, che era in collegio con me per quasi 10 anni e ha vissuto quello che ho vissuto io, si è ammazzato un anno e mezzo fa.

Voglio aiutare chi ha passato quello che ho passato io. Parlare è giusti, ma facendo qualcosa di utile, di positivo”.

Per questo Lapo sta infatti pensando di aprire una “fondazione” per “fare qualcosa di utile”.

Per affrontare un trauma simile – spiega Lapo- “ho dovuto fare un enorme lavoro su me stesso, anche vedere cose che non avevo voglia di vedere. Non nasconderle più. Non nascondermi. Ho dovuto essere sincero con me stesso e con gli altri. Anche perché – aggiunge – quando si ammazza il tuo miglior amico ti metti in discussione. Ti fai delle domande. Avrei potuto fare qualcosa? Stargli più vicino? Me lo sono chiesto anche quando è morto mio zio Edoardo. A mio zio penso molto spesso. Mi manca. Mi mancano anche tutti gli altri: mio nonno, Giovannino, Umberto, mio cugino Filippo, che se ne è appena andato. Tutti. Però Edoardo era una persona speciale. Atipica. Che ha vissuto una vita estremamente travagliata.

Certe cose dure che ha vissuto, oggi le capisco ancora meglio di ieri. E ho sempre un gran dolore nel pensare che si sarebbe potuto fare di più”.

Oggi Lapo si sente un uomo più risolto, un uomo libero di sentirsi diverso. Il mito di suo nonno, di Gianni Agnelli, dell’Avvocato, non lo ha mai abbandonato. A un certo punto “ho capito che il nonno era il nonno e io sono io. Oggi non ho più nessuna voglia di essere come lui, il che non vuol dire che non lo rispetti. Però io sono diverso”.

Quanto alla politica, Elkann non nasconde di aver votato, nel 1994, Silvio Berlusconi. Poi però – spiega – “molto di quel che era stato promesso non è stato fatto, e io non l’ho votato più. Come imprenditore e italiano il mio scopo non è dimenticarmi delle tasse. Guadagno e sono contento di pagarle. Berlusconi non mi sta affatto sulle palle”, pur non essendo “un mio amico […].

Non partecipo al tiro al bersaglio. Qui da sempre prima si fa un applauso, poi si prepara il plotone di esecuzione. Troppo comodo. Non ho mai parlato male di Renzi. Mi pare uno che si comporta nello stesso modo che abbia davanti un cameriere o il presidente della Repubblica. Un atteggiamento che mi piace. Troppo facile giocare a fare il duro con chi lavora per te, meno semplice farlo con chi ha più capacità, intelligenza o palle di te”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...
Chiara Cichero 1241 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.