L’applicazione gratuita di IM e videochiamate “Fring” si aggiorna per supportare iOS 5.1 COMMENTA  

L’applicazione gratuita di IM e videochiamate “Fring” si aggiorna per supportare iOS 5.1 COMMENTA  

Gli sviluppatori di Fring, nota applicazione per le chiamate vocali, videochiamate e chat, hanno da poco rilasciato un nuovo aggiornamento rendendo l’app compatibile con iOS 5.1, ma non solo.


Fring è un’applicazione nota per la possibilità di effettuare videochiamate con i propri amici direttamente da iPhone senza costi aggiuntivi, sfruttando il proprio pacchetto dati. Potranno partecipare alle videochiamate di gruppo fino a 4 persone così da poter comunicare in modo semplice e veloce utilizzando la fotocamera del proprio telefono, sia esso un iPhone o un terminale Android. Potremo, inoltre, effettuare chiamate vocali, sempre gratuitamente, verso gli altri utenti Fring presenti in tutto il mondo o anche scambiare messaggi di testo. E’ comunque importante ricordare come sia necessaria una connessione ad Internet, sia Wi-Fi che 3G, perché il servizio funzioni.


Il nuovo update alla versione 5.5.0.16 non solo introdurrà la piena compatibilità dell’applicazione con iOS 5.1, ma vedrà l’implementazione di nuove importanti funzionalità che vi proponiamo attraverso il changelog ufficiale pubblicato dagli sviluppatori:

  • Ora compatibile con iOS 5.1;
  • Nuovo: transizioni 1-click da chiamate vocali a videochiamate e viceversa;
  • Nuovo: schermate di chiamata più ‘pulite’;
  • Nouvo: migliorato il dialer con l’introduzione della funzionalità copia/incolla;
  • Nuovo: “Mute” disponibile da ora sia per le chiamate vocali che per le videochiamate;
  • Bugfix.

Fring, ricordiamo, è disponibile su App Store in una versione Universale, ottimizzata quindi sia per iPhone che iPad, e potrà essere scaricata in modo completamente gratuito.

Leggi anche

cookies
Tecnologia

Legge italiana sui cookies

Qualche parola sulla cosiddetta cookie law, la legge che - anche in Italia - regolamenta l'utilizzo dei cookies nelle trasmissioni di dati via Internet. Abbiamo già avuto modo di parlare dei cookies. Abbiamo cercato di Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*