L’Ars taglia, la Cisl rilancia: rischio collasso per consulenze COMMENTA  

L’Ars taglia, la Cisl rilancia: rischio collasso per consulenze COMMENTA  

PALERMO – Nello studio pubblicato dalla Cisl sui costi della politica all’Assemblea Regionale Siciliana emergono dati preoccupanti. Nel 2011 sono diminuite le consulenze e gli incarichi esterni della Regione siciliana, ma non la spesa.

Leggi anche: Castiglione affronta il piano-case

Per un totale 127 consulenti nominati a gravare sulle tasche dei siciliani per un spesa di un milione 237 mila euro. Mentre nel 2010 sono stati 142 per un costo di 1 mln 320 mila euro.

La Cisl lancia l’allarme sul possibile collasso della macchina burocratica della Regione, che conta oltre 17 mila dipendenti, dislocati nelle nove provincie dell’Isola.

Tra gli assesorati poco virtuosi per numero maggiore di consulenze, si segnala quello all’Economia, con 11 incarichi esterni, che peseranno sulle casse della Regione per 169.488 euro.

L'articolo prosegue subito dopo

All’assessorato alle Risorse agricole, invece, si contano 20 consulenti, per un costo complessivo di 134 mila euro. A seguire l’assessorato alle Attività produttive, con sei incarichi esterni, per un costo costo di 91 mila euro, gli assessorati alla Salute e alla Famiglia, che ne  hanno 12 ciascuno, per un costo di 90 mila e 53 mila euro. I consulenti nominati dalla presidenza della Regione, invece, sono 33, la spesa precisa di 704.440 euro.

Leggi anche

No Picture
Catania

Verranno acquistati più mezzi per la Circumetnea

Sarà rinnovato il parco mezzi della Circumetnea con l’acquisto di 35 nuove vetture che rafforzeranno la presenza dell’azienda dei trasporti all’interno del territorio. L’annuncio è stato dato da Gaetano Tafuri, commissario governativo Fce, dopo un incontro con le maggiori cariche sindacali. L’acquisto dei mezzi rinnoverà il parco vetture che attualmente ammonta a circa 67 unità.Inoltre saranno intensificati i controlli sia nelle linee extraurbane che in metropolitana per evitare che gli utenti possano salire nelle vetture sprovvisti di biglietto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*