L’arte si permea di sofferenza COMMENTA  

L’arte si permea di sofferenza COMMENTA  

Sarà certamente occasione di raccoglimento e riflessione il lavoro tradotto nei dipinti di Kathe Kollwitz, presentato presso la Galleria S. Fedele di Milano a partire dal 8 Marzo al 21 Aprile 2012.

Leggi anche: Parte Movi&Co Design after Design Special Edition in collaborazione con Triennale di Milano


Il senso di dolore , disperazione e sofferenza infatti sarà il tema dominante dei dipinti della nota artista tedesca, raccolti nella mostra dal titolo “Al termine della notte, Kathe Kallwitz, Mario Raciti e Bernardi Roig ed accostati a quelli di un altro artista, il milanese Mario Raciti autore di un’altra  mostra “Why”. In tali opere sarà possibile scorgere scene raffiguranti miserabili in cerca di cibo, abbracci sacrileghi e uomini a contatto diretto con la natura, mani rivolte verso l’alto in segno di devozione.

Leggi anche: Mostre Mudec di Milano nel 2017


A contrastare l’oscurità macabra del conseguente impatto emotivo dei dipinti, sono stati utilizzati rapidi fasci di luce al neon. L’intento è quello di far risaltare le imponenti statue di bronzo e creta realizzate da Bernardi Roig, terzo ed ultimo autore protagonista dell’intera rassegna.


Leggi anche

babbo-natale
Cultura

Babbo Natale esiste o no

Ci sono ancora bambini che credono a Babbo Natale e attendono con ansia di ricevere i suoi doni a Natale. Ma quanto c'è di reale in questo personaggio? La maggior parte dei genitori si sente rivolgere la fatidica domanda “Babbo Natale esiste o no?” dai propri figli appena riescono a percepire la realtà distinguendola dalla fantasia. Per alcuni questo momento arriva presto (fra i 3 e i 9 anni), per altri si prolunga un po’. Una cosa è certa: nell’immaginario collettivo dei più piccoli il personaggio di Babbo Natale ha persino soppiantato Gesù Bambino. Per i bimbi in tenera età Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*