Lasciate giocare in pace i vostri figli: ecco il trucco per l’apprendimento

Cultura

Lasciate giocare in pace i vostri figli: ecco il trucco per l’apprendimento

Lasciate gocare in pace i vostri figli
Lasciate gocare in pace i vostri figli

Uno studio dimostra che i bambini sono molto più creativi quando giocano da soli: imparate a non ingozzarli di conoscenze e a lasciarli in pace!

Provate a cucinare qualcosa con vostro figlio accanto. Una domanda frequente sarà : “Perché metti soltanto il giallo?”. O più semplicemente, noterete il suo sguardo vispo e attento, che esplora curioso. Un tempo prezioso di libertà e di osservazione che viene sempre più strappato ai bambini, per sostituirlo con corsi serali o programmi di apprendimento. Un errore, secondo Alison Gopnik, docente di psicologia: i bambini apprendono molto di più giocando e osservando che seduti a scuola, scrive sul New York Times.

La ricercatrice ha realizzato un esperimento con i suoi colleghi, nel quale un adulto mostrava un giocattolo a bambini di 4 anni, pronunciando questa frase: “Mmmm mi chiedo come funzioni questo giocattolo” e compiendo nove gesti differenti. Alcuni di questi gesti accendevano il gioco e innescavano una musica, altri, invece, erano completamente inutili.

I bambini afferrarono il giocattolo e riuscirono a far partire la musica, producendo un gesto nuovo e diverso da quello compiuto dall’adulto.

In un’altra versione dello stesso esperimento, un adulto entrava nella camera e si comportava come se fosse un professore. L’adulto pronunciava: “Vi mostrerò come funziona questo giocattolo” e faceva un solo gesto. I bambini afferrarono di nuovo il giocattolo e riprodussero esattamente lo stesso gesto, senza inventarne di nuovi.

Non ingozzare i bambini

L’educazione esplicita, un tipo di apprendimento praticato a scuola e che ottiene un grande riscontro dai genitori, non sviluppa tutto il potenziale dei bambini. Quando i bambini giocano, si comportano effettivamente come degli scienziati che sperimentano, scrive Alison Gopnik.

Qui c’è una certa ironia. I genitori e le politiche pubbliche attive attribuiscono un’enorme importanza all’apprendimento perché sanno che, in un’economia dell’informazione, diventa sempre più importante. In realtà, questa nuova economia richiede più innovazione e meno imitazione, più creatività e meno conformismo …” fa notare la ricercatrice.

Dunque, bisogna andare contro questa tendenza di ingozzare i nostri figli di informazioni.

Non abbiamo bisogno di insegnare loro migliaia di cose. “Abbiamo solo bisogno di lasciarli apprendere da soli“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...