L’asilo-gatto, opera curiosa tra Francia e Germania COMMENTA  

L’asilo-gatto, opera curiosa tra Francia e Germania COMMENTA  

Un asilo dalla forma decisamente animalesca è stato realizzato al confine tra la regione del Baden-Württemberg e dell’Alsazia, al confine tra Francia e Germania. Lo ha ideato l’artista di origine alsaziana e ambasciatore dell’infanzia Tomi Ungerer, che ha lavorato in stretta collaborazione con un gruppo di architetti perchè la sua idea potesse essere realizzabile anche a livello edilizio. L’asilo ha una forma di gatto, che lo ha reso molto noto tanto da richiamare curiosi da entrambe i paesi.

Leggi anche: Natasha Farnsworth, l’artista che dipinge in 3d sulla schiena


E’ stato costruito per celebrare l’amicizia tra i due Paesi ed è davvero particolare: ha una porta di ingresso pensata per sembrare la bocca del gatto; gli occhi sono invece due grandi finestre al primo piano. Il gatto-asilo è provvisto pure di coda, uno svicolo posto sul retro e una parte del tetto è ricoperta di prato per sembrare il pelo del felino. All’interno la sala principale è posizionata al posto del cervello mentre la mensa è al posto dello stomaco; invece una serie di scivoli nella parte posteriore, assomigliano agli intestini. Un progetto divertente, creativo ma anche educativo.

Leggi anche: Milan-Amburgo: Beckham giocherà dal primo minuto

Leggi anche

sorpresine-kinder_per-il-britannico-the-sun-le-confezionano-i-bambini
News

Sorpresine Kinder: per il britannico The Sun le confezionano i bambini

Inchiesta giornalistica GB rivela cosa sta dietro i giocattoli miniaturizzati negli ovetti: famiglie rumene costrette a far lavorare anche i figli minorenni Un velo di tristezza ammanta le sorpresine Kinder contenute nei famosi ovetti che, normalmente, sono destinati a donare gioia ai bambini, dopo l’inchiesta portata avanti dalla redazione del quotidiano britannico The Sun: secondo il prestigioso giornale, infatti, la Ferrero commissionerebbe la confezione degli oggettini da inserire nelle famose uova di cioccolato ad un’azienda rumena, la Romexa, che a sua volta subappalterebbe il lavoro alla Prolegis. Quest’ultima affiderebbe poi la preparazione manuale dei mini giocattoli a delle famiglie in Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*