Laura Mesi, la sposa single: "L'amore ai nostri giorni? E' un lusso per pochi"

Laura Mesi, la sposa single d’Italia: “L’amore ai nostri giorni? E’ un lusso per pochi”

Donna

Laura Mesi, la sposa single d’Italia: “L’amore ai nostri giorni? E’ un lusso per pochi”

Laura Mesi

Laura Mesi si racconta ai microfoni di Notizie.it: dalla decisione di sposarsi da sola, all'organizzazione del matrimonio alla luna di miele

Laura Mesi è una quarantenne brianzola con grinta da vendere. Alla soglia dei quarant’anni la ragazza ha deciso di non voler più aspettare l’arrivo del principe azzurro e di voler festeggiare se stessa, la sua vita e la sua libertà. Quale modo migliore per farlo se non il matrimonio? Così come Nello Ruggiero anche lei ha deciso di compiere questo passo, ma ci tiene a precisare: “Il mio matrimonio non è stato organizzato da qualcun altro, ho fatto tutto da me e la decisione di sposarmi con me stessa l’ho presa ben due anni fa”.

L’intervista a Laura Mesi


Laura, sei la prima sposa single d’Italia. Da dove è partita l’idea? Il confronto è spontaneo con il primo sposo single d’Italia Nello Ruggero,nostro ospite in una precedente intervista: è un confronto lecito?
Arriva esattamente al mio 38esimo compleanno, quindi il 26 agosto di due anni fa. In occasione di questa festa ho detto a tutti i miei invitati che mi sarei data due anni di tempo: quindi se antro i 40 anni non avessi trovato il mio principe azzurro avrei comunque deciso di sposarmi, anche se da sola.

Da lì ho avuto l’appoggio di tutte, anche da parte di mia mamma che diceva “Quanti divorzi! Gli uomini sono tutti uguali!”. Invece quando a febbraio di quest’anno, del 2017, ho deciso che , insomma, era il caso di iniziare a organizzare il tutto, ho fatto completamente tutto da sola. Non ho chiesto aiuto neanche alla mia migliore amica perchè volevo che fosse una sorpresa per tutte. Lì ho avuto un po’, non dico di disapprovazione, però ho visto queste reazioni un po’ stranite da parte di tutti, perchè non pensavano che io realmente lo realizzassi davvero.
Di Nello credimi, non sapevo neanche dell’esistenza del matrimonio che lui in realtà aveva celebrato a novembre e che poi è uscito un po’ su tutti i giornali, nella primavera di quest’anno.

Il paragone ovviamente è istantaneo. Avete avuto un filo diretto anche al telefono, vi siete scritti?
Sì, lui mi ha contattata tramite Facebook, poi ci siamo scambiati il numero.

L’ho sentito in realtà forse un paio di volte, ho avuto occasione di vederlo un paio di volte anche nelle varie trasmissioni televisive e lui comunque è un maschietto e io sono una femminuccia…

E se i due sposi single si sposassero?

Laura MesiChi può dirlo! Non lo so, comunque è sicuramente una persona carinissima. Lui è del sud, come me, anche se io sono nata a Milano e sono cresciuta a Milano. Però non lo so, non so dire…
Com’è stata la prima notte di nozze?
Dai, ma che domande… La prima notte di nozze, credimi, ho dormito quattro ore. Dormito! Ero talmente stanca, emozionata ancora, un po’ come se fossi stata una bimba nelle braccia della mamma.

Invece la cerimonia, mi raccontavi, in questo ristorante con l’abito da sposa. E poi il rito della sabbia.
Sì, il rito della sabbia. E’ un rito meraviglioso, che ho fatto con mia mamma. In realtà, in un matrimonio “banale”, dove ci sono lo sposo e la sposa, questo rito viene svolto dai due sposi.

Invece io ho scelto proprio mia mamma, che è la fondamenta della mia vita. C’è questo vaso di vetro, vuoto, e due contenitori. Uno che avevo io, di sabbia bianca, e uno di sabbia nera che aveva mia mamma, perchè i colori del mio matrimonio sono stati bianco e nero. Quindi abbiamo fuso queste due sabbie all’interno del contenitore, che terrò per sempre con questi giochi di colore tra bianco e nero. E’ stato molto emozionante, anche perchè mentre facevamo questo gesto, Lara, che è stata la mia mentore, leggeva delle bellissime frasi che ho scritto io nei mesi in cui organizzavo il mio matrimonio.

Qual è stata la reazione più bizzarra, più improvvisa, meno prevedibile legata a questo tua decisione?
Devo dire che sono state un po’ tutte simili. Credimi, tutte di incredulità, tutte che in realtà mi dicevano: “Ma sei matta? Ma veramente realizzerai questa cosa?”. Non mi aspettavo una forte disapprovazione da parte di mio fratello.

So che lui è molto geloso e ovviamente volendomi bene avrebbe preferito che io mi fossi sposata con un uomo. Però lui all’inizio era veramente, veramente contrario, tanto è vero che alla terza volta che gli dicevo: “Antonio, mi accompagnerai tu davanti al celebrante”, quindi a Ramiro, lui mi ha detto di no. Io gli ho detto “Ok, benissimo, mi accompagnerà un mio amico”. Lì lui ha capito che per me era veramente importante e ha deciso di accompagnarmi. E poi si è anche emozionato, quindi gli è piaciuto.

Diventerà una moda arrivare a 40 anni senza un compagno e magari sposarsi da soli?
Guarda, a quanto ne sappia io per quanto riguarda Nello gli è stato organizzato, questo matrimonio. Io l’ho finanziato e l’ho organizzato completamente da sola. Dirti che sarà una moda? Potrebbe darsi, non lo so.

Tu lo raccomanderesti a qualcuno di vivere il giorno più bello della propria vita così come hai fatto tu?
Sì, se ha una discreta disponibilità economica e se ha un pizzico di follia come me.

Sì, assolutamente sì.

Dopo la cerimonia, la luna di miele: come l’hai passata?
Come ho detto, io amo viaggiare. Se riesco faccio anche tre o quattro viaggi all’anno, perchè credo veramente che siano i soldi meglio spesi. Questa è stata indubbiamente la prima vacanza super rilassante. Io sono partita il giorno dopo: ho dormito quattro ore, come ti dicevo, perchè non avevo ancora preparato le valigie. Quindi ho preparato le valigie e il pomeriggio i miei amici mi hanno accompagnata in aeroporto. E io per quattro giorni, io che parlo anche con i sassi, non ho parlato con nessuno. Ero veramente stravolta: quattro mesi pieni tra il mio lavoro e tra l’organizzazione del matrimonio… Ero esausta. Ero felicemente stanca e quindi per quattro giorni non ho parlato con nessuno. Poi piano piano, le persone del villaggio hanno cominciato ad avvicinarsi a me, chiedendomi: “Ma come mai sei qui da sola?” e io a tutti rispondevo “Sono qui in viaggio di nozze”. Non ti dico lo show da lì a poco, perchè tutti ovviamente dicevano “Ma come sei qui in viaggio di nozze, sei qui da sola!”.

E io spiegavo che, in realtà, qualche giorno prima mi ero sposata da sola.

Cosa vorresti dire a tutti quelli che pensano che un matrimonio del genere sia un matrimonio “fuffa”?
La libertà di opinione c’è e ci può stare. Però credimi, te lo dico con il cuore: non c’è stata nessuna trovata pubblicitaria, né strategie di marketing. Anche perchè, siete i primi ai quali lo dico, ho pensato a come far capire alle persone che non è così. Se io avessi voluto guadagnarci dei soldi e avessi voluto farmi pubblicità con dietro compenso, sicuramente non avrei pubblicato tutte le foto del mio matrimonio. Avrei lasciato delle foto in esclusiva, magari a un giornale. Io ho condiviso questa mia, folle se vuoi, trovata, questa mia decisione sul mio Facebook, come faccio da 10 anni condividendo le foto dei miei viaggi piuttosto che i video dei miei balletti. Io sono un’istruttrice di fitness, sono una coreografa: quindi da sempre io condivido. E ho condiviso semplicemente questa cosa, dicendo “Ragazzi, ho deciso! A settembre mi sposo.” Quindi, credetemi, non c’è stata nessuna trovata pubblicitaria e non sto guadagnando un euro, da nessuna parte. Felicemente, perchè va bene così.

In chiusura, sei fedele con te stessa e sarai fedele con te stessa mantenendo questo vincolo di matrimonio? Sei comunque alla ricerca di una persona con cui passare la tua vita?
Sono e rimarrò fedele per sempre. Non credo di sposarmi, ma mai dire mai. Credo che veramente il valore del matrimonio oggi si sia perso. Credo che purtroppo, la maggior parte delle coppie che si sposano si lasciano, quindi il matrimonio finisce con un fallimento. La maggior parte però: l’amore vero esiste? Sì, ma oggi come oggi credo che l’amore vero sia un lusso, quindi è difficile trovarlo. Ripeto, non sono alla ricerca. Si ricerca e si rincorre un sogno, un obiettivo: l’amore se arriva, arriva. Io sono comunque molto felice e molto contenta così della mia vita. Ovviamente le mie relazioni ce le ho, non ho fatto voto di castità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche