Come lavare il pene per evitare cattivi odori

Sesso & Coppia

Come lavare il pene per evitare cattivi odori

PENE.
PENE.

Come si deve lavare il pene per evitare la formazione di batteri e di cattivi odori? Scopriamolo insieme con questo articolo.

Il pene è una parte dell’organo genitale maschile esterno che è coperto da una parte di pelle chiamata prepuzio ed è spesso soggetto per sua natura a infiammazioni e problematiche legate al cattivo odore. Il problema è risolutivo invece per tutti quei soggetti che sono stati circoncisi e che quindi non hanno più il prepuzio che ricopre il pene.

Il cattivo odore che si crea a livello del pene dipende oltre che per infiammazioni e batteri come la Candida dalla presenza di sostanza biancastra e viscosa che si chiama Smegma che si forma sotto il prepuzio. Insieme al sudore e i residui di urina, i batteri prolificano e a lungo andare provocano cattivo odore.

Per evitare la formazione di cattivi odori e infezioni consigliamo di:

  • Utilizzare sempre un detergente intimo e dell’acqua tiepida (non bollente) per lavare in modo regolare il glande e il prepuzio.

    Si consiglia di pulire bene la zona e togliere tutto il Sigma che si è formato tra le pieghe della pelle.

  • Dopo aver lavato bene la zona, utilizzate un asciugamano pulito e asciutto per tamponare e asciugare la zona poichè l’umido che si crea potrebbe fare proliferare i batteri.
  • Pulirsi regolarmente dopo essersi masturbati e subito dopo aver avuto un rapporto sessuale, sia di tipo vaginale, ma soprattutto se di tipo anale.
  • Cercare di ritrarre il pene mentre si urina per evitare che rimangano residui di urina.
  • Utilizzare sempre il preservativo per proteggersi dalle malattie a trasmissione sessuale, soprattutto se le/i partner sono occasionali.
  • Non indossare pantaloni troppo stretti che non fanno respirare la zona.
  • Utilizzare sempre un intimo di cotone e se possibile di colore bianco.
  • Mangiare carne, verdura e frutta e per chi soffre di infezioni batteriche mangiare molto yogurt. Ricordarsi che per chi soffre di Candida è sconsigliato mangiare carboidrati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche