Lavezzi punisce una bruttissima Inter - Notizie.it

Lavezzi punisce una bruttissima Inter

Inter

Lavezzi punisce una bruttissima Inter

Lavezzi, autore della rete del successo partenopeo
Lavezzi, autore della rete del successo partenopeo

Lavezzi punisce una Inter inguardabile e affonda impietosamente il coltello nella piaga di una squadra ormai diventata catatonica. L’unica rete di scarto che separa i due contendenti alla fine della partita, non racconta in maniera adeguata quanto successo sul campo. Anzi, addirittura l’Inter avrebbe potuto pareggiare con Pazzini, nel finale, ma sarebbe stato un regalo troppo grande per una squadra moscia e abulica, in balia degli avversari per tutto l’incontro.
La partita si è subito incanalata sui binari giusti per la squadra di Mazzarri, che ha mantenuto un ritmo alto cui l’Inter non ha saputo opporre la minima resistenza. Sin dai minuti iniziali, si è capito che c’era soltanto da capire quando avrebbe segnato la squadra partenopea, con un Lavezzi che ha subito fatto capire di essere in un momento di grazia. Tanto da costringere Ranieri a ridisegnare la squadra, escludendo un evanescente Forlan nell’intervallo, per far entrare Cordoba e cercare di sistemare la traballante fascia di pertinenza.

Nonostante ciò, è arrivata infine la rete del Pocho, a coronamento di una superiorità che, soprattutto dal lato fisico, è stata a tratti imbarazzante. La partita, è praticamente finita qui e solo un atto di autolesionismo da parte napoletana poteva riaprirla. L’errore, infatti, è arrivato, ad opera di Aronica che, a una decina di minuti dalla fine, dopo aver perso palla ha atterrato Pazzini ed è stato espulso. A questo punto, l’Inter ha tentato una reazione che per poco non veniva concretizzata da Pazzini, su cross di Nagatomo. Ma, come detto, sarebbe stato un premio largo e immeritato per una Inter bruttissima e ormai in aperta crisi. Resta solo da vedere se la società vorrà assistere inerte o prendere subito provvedimenti che sembrano ormai improcrastinabili.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche