Lazio-Napoli: il big match che vale la Champions League - Notizie.it
Lazio-Napoli: il big match che vale la Champions League
Calcio

Lazio-Napoli: il big match che vale la Champions League

Il posticipo della 31esima giornata di Serie A vedrà di fronte due squadre ferite nell’orgoglio e desiderose di riscattarsi. Lazio-Napoli è una partita fondamentale per entrambe le squadre ma soprattutto per il Napoli di Mazzarri che in caso di sconfitta sarebbe definitivamente fuori dai giochi per il terzo posto. E’ una squadra minata non solo nello spirito dopo la pesante sconfitta di Torino contro la Juventus ma anche nel corpo. Dopo l’eliminazione dalla Champions, gli azzurri sono apparsi visibilmente stanchi al termine di una stagione che li ha visti giocare in media ogni tre giorni. Mazzarri dovrà fare i conti non solo con il morale a terra ma anche con le numerose assenze, tutte pesanti. Oltre agli infortunati Maggio e Dossena, il tecnico toscano dovrà rinunciare anche a Zuniga e Gargano, fermati dal giudice sportivo.

Anche in casa Lazio le cose non vanno meglio. Quella che affronterà gli azzurri sarà una squadra ferita dalla recente scomparsa di Giorgio Chinaglia, per molti anni simbolo della squadra biancoceleste.

Edy Reja dovrà rinunciare a Dias, Klose, Stankevicius, Lulic e, forse, anche a Matuzalem e Radu. Tanti sono i problemi, dunque, per Edy Reja che è atteso da due finali: quella contro il Napoli e la prossima, il mercoledì dopo Pasqua, a Torino contro la Juventus, e dallo scontro diretto con l’altra pretendente al terzo posto: l’Udinese di Guidolin.

EMOZIONI – Sarà una serata di forti emozioni per i tanti ex presenti in campo: a cominciare da Edy Reja, tecnico del Napoli dal febbraio 2005 al 2009 e che ha conquistato l’ultima vittoria degli azzurri all’Olimpico nella stagione 2008/2009 quando i partenopei s’imposero per 1-0 grazie all’autorete di Siviglia. Emozioni anche per Goran Pandev che con la Lazio ha giocato dal 2004 al 2009 e per i due portieri che si giocano il ruolo di vice Buffon ai prossimi Europei.

IL RICORDO – E infine, il ricordo di Giorgio Chinaglia.

La Lazio giocherà con il lutto al braccio e ricorderà il suo uomo simbolo portando al centro del campo e successivamente in panchina la sua maglia numero nove, per la quale sembra ci sia l’intenzione di ritirarla. I compagni di Long John che con lui vinsero lo scudetto del 1974 saranno tutti presenti in curva nord.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche