Lazio: preso Emiliano Alfaro

Calcio

Lazio: preso Emiliano Alfaro

Tra Olic e Podolski, con Cissè ancora in rosa e con il futuro di Zarate tutto da definire, Lotito si regala un altro attaccante. La Lazio ha infatti definito l’acquisto di Emiliano Alfaro, attaccante uruguaiano classe ’88 prelevato dal Liverpool di Montevideo per una cifra di poco superiore ai 3,2 milioni di euro. Bruciata la concorrenza dell’Udinese, benché nella giornata di mercoledì i friulani si fossero più o meno strategicamente ritirati dall’asta. Si tratta di un classico colpo alla Lotito che quando c’è da spendere lo fa, preferibilmente su giocatori di prospettiva ed in grado di garantire un immediato salto di qualità ad una squadra già competitiva. L’operazione non è però stata condotta in totale “autonomia” bensì con in comproprietà con il Genoa di Preziosi, non nuovo ad alleanze di mercato con la Lazio. E chissà che nel futuro immediato non si verifichino altre operazioni da condurre in tandem: magari quella per Marco Parolo, centrocampista in uscita dal Cesena e concupito da liguri e capitolini. Il giocatore comunque non si fermerà subito a Roma ma verrà parcheggiato per sei mesi in un’altra squadra, che dovrebbe essere il Siena.

Ed in fondo Alfaro (che ha il passaporto comunitario viste le origini toscane della madre) per sbarcare nel calcio che conta non poteva che scegliere l’Italia e Roma in particolare: proprio all’Olimpico in fatti il piccolo attaccante aveva esordito in Nazionale, lo scorso 15 novembre nei minuti finali dell’amichevole tra le due nazionali vinta dalla Celeste per 1-0 grazie al gol in apertura di Fernandez. Attaccante non particolarmente dotato sul piano fisico né da quello tecnico, Alfaro è una punta brevilinea, agile nello stretto, che predilige agire nei pressi dell’area avversaria nonchè dotata di un innato senso del gol. L’esplosione è però arrivata relativamente tardi, durante la scorsa stagione con la maglia del Liverpool Montevideo, club che l’ha formato calcisticamente, dopo un’esperienza non fortunata in Argentina. Non si tratta insomma forse di un futuro campione ma di un calciatore che potrà rendersi utile nella prossima stagione. Un colpo per il futuro, quindi, che non chiude le porte ad un altro affare in attacco nei prossimi venti giorni. E che di conseguenza non pone certezze sulla permanenza di Cissè in maglia biancoceleste.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...