Lazio-Sporting Lisbona: le probabili formazioni COMMENTA  

Lazio-Sporting Lisbona: le probabili formazioni COMMENTA  

L’Europa League della Lazio è passata da Lecce. 22 maggio 2011: i biancocelesti vincono 4-2 al Via del Mare nell’ultima giornata di campionato ma il contemporaneo successo dell’Udinese contro il Milan li condanna ai preliminari della seconda competizione continentale. 11 dicembre 2011: la squadra di Reja trionfa quasi con lo stesso punteggio in Salento e capisce quasi definitivamente di poter vivere una stagione da assoluta protagonista. E l’Europa League che c’entra? C’entra, c’entra: perché sabato pomeriggio Reja non ha applicato turn over, pur essendo a quattro giorni dalla sfida decisiva per il futuro europeo contro lo Sporting Lisbona. Ergo, per utilizzare una terminologia cara a Lotito, le gerarchie sono ben chiare: all’Europa la Lazio tiene davvero poco, ed un’eventuale, per non dire probabile, eliminazione mercoledì sera non sarebbe certo vissuta come un dramma. Anzi, tutt’altro da parte di una rosa che non è numericamente attrezzata per il doppio impegno.


Detto questo, bisogna provarci consapevoli che le speranze sono poche e soprattutto che la qualificazione è in mano ad altri: al Vaslui, o per essere più precisi allo Zurigo.

La situazione di classifica è infatti molto chiara: rumeni e biancocelesti viaggiano a braccetto con sei punti, la metà dei portoghesi già qualificati e già primi.

Peccato che lo sciagurato 2-2 dell’Olimpico combinato con lo 0-0 di due settimane fa a Piatra Neamt dia un fondamentale vantaggio al Vaslui che in caso di parità di punti passerebbe il turno: basta quindi una vittoria ad Adailton e compagni per festeggiare un traguardo insperato.

L'articolo prosegue subito dopo

La logica del calcio moderno imporrebbe le vittorie di Lazio e Vaslui, più “motivate” rispetto alle rivali: in questo senso l’ultimo turno di Champions lascia poche speranze al popolo biancoceleste e poi se ci si aspetta il massimo impegno dallo Zurigo perché non dovrebbe fare lo stesso lo Sporting (nelle cui fila milita l’ex milanista Onyewu, che in biancoverde sembra essesi ritrovato), che di certo non è molto inferiore alla Lazio? Insomma, si può solo sperare di fare un risultato diverso rispetto ai rumeni, ma le scelte di Reja la dicono lunga: domenica sera arriva l’Udinese per una partita delicatissima, quindi spazio alle seconde linee e panchina per Klose e Lulic. Serve altro?

Ancora fuori Dias e Matuzalem, non saranno della partita neppure Konko e soprattutto Marchetti, vittima a Lecce di una lesione al bicipite femorale. Un duro colpo: al suo posto giocherà Bizzarri, che ha recuperato in extremis mentre in panchina andrà Carrizo, inserito nella lista Uefa grazie ad una deroga. Ecco allora l’esordio stagionale per Cavanda ed un inevitabile cambio di modulo, con passaggio al 4-2-3-1 causa scarsezza di centrocampisti a disposizione. Le possibilità per trovare la partita della vita ci sono tutte: basta volerlo. Probabili formazioni. Lazio: Bizzarri; Cavanda, Diakitè, Biava, Radu; Cana, Ledesma; Cisse, Hernanes, Sculli; Rocchi. Sporting Lisbona: Rui Patricio; Joao Pereira, Onyewu, Polga, Insua; Rinaudo, Schaars, Matias Fernandez, Capel; Carrillo, Van Wolfswinkel.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*