Le acconciature più strane del calcio COMMENTA  

Le acconciature più strane del calcio COMMENTA  

Alcune persone gestiscono bene la fama, alcune persone impazziscono. Ci sono alcuni che schizzano fuori generosamente e spendono i loro guadagni, e ci sono alcuni che rimangono avari. Ci sono alcuni che sembrano normali e alcuni che sembrano pazzi.

Leggi anche: US Army: nuove linee guida per le donne

Le acconciature più strane del calcio.

 

1. David James
Sembra che David James ha inzuppato i capelli nella cenere. La combinazione dei riccioli e i capelli decolorati ispira nomi come “Noodle Head” e “Hair Worm”.

2. Taribo West
Taribo West sicuramente si distingue dagli altri, ma non nel modo migliore. Con i suoi colori di capelli che vanno dal verde al rosso, possiamo a malapena guardarlo.

Leggi anche: Una strana pettinatura egizia


3. Abel Xavier
Che si presenta come panna montata sulla testa, un casco strano o una caramella di cotone, questo deve essere una delle acconciature più strane mai viste. In effetti è così strano, siamo senza parole e non hanno nulla di più da dire in proposito.


4. Bacary Sagna
Sembra che ha gli spaghetti in testa con tutte queste treccine.

5. Kayazuki Toda
Come dovremmo prestare attenzione alla partita quando c’è qualcosa di così luminoso in campo con questa cresta rossa?

Leggi anche

Come pulire gli stivali Ugg
Guide

Come pulire gli stivali Ugg

Le scarpe più comode e morbide che si possono trovare in giro sono proprio gli stivali Ugg, fatto in lana e pelle di pecora. Vediamo come mantenerle pulite Gli stivali Ugg nascono proprio in Australia con materiali che cercano di tenere i piedi caldi con una piacevole sensazione di comfort. Sono molto popolari nel periodo autunnale e invernale. Ma quando questi stivali si sporcano, ecco che cerchiamo di trovare qualche soluzione per pulirle al meglio. Quando si acquistano gli stivali Ugg, potete comprare anche lo spray adatto per pulire le macchie in superficie fatto con acqua e olio repellente. Prima di Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*