Le canzoni più tristi di sempre

Guide

Le canzoni più tristi di sempre

Ecco le 10 canzoni inglesi più tristi di sempre:

1. James Blunt – Goodbye My Lover
2. Nirvana – Something In The Way
3. The Verve – The Drugs Don’t Work
4.The Beatles – Yesterday
5. Gary Jules con Michael Andrews – Mad World
6. The Smiths – Last Night I Dreamt That Somebody Loved Me
7. Radiohead – Creep
8. Metallica – One
9. Various artists – Gloomy Sunday
10. Celine Dion – All By Myself

Le canzoni italiane più tristi:
– Ogni volta (Vasco Rossi)
– Un giorno credi (Edoardo Bennato)
– Vecchio frac (Domenico Modugno)
– L’ultimo bacio (Carmen Consoli)
– I giardini di marzo (Lucio Battisti)
– Marmellata # 25 (Cesare Cremonini)
– Sere nere (Tiziano Ferro)
– Fragile (Fiorella Mannoia)
– Incontro (Francesco Guccini)
– Agnese (Ivan Graziani)
– Vincenzina e la fabbrica (Enzo Jannacci)
– La costruzione di un amore (Ivano Fossati)
– La canzone di Marinella (Fabrizio De Andrè)
– Mary (Gemelli DiVersi)
– Una giornata al mare (Paolo Conte)
– Lampada Osram (Claudio Baglioni)
– Come è profondo il mare (Lucio Dalla)
– Fotomodelle un po’ povere (Gigi D’Alessio)
– Mentre tutto scorre (Negramaro)
– Un giorno dopo l’altro (Luigi Tenco)
– Nuvole rapide (Subsonica)
– Sassi (Gino Paoli)
– Se io se lei (Biagio Antonacci)
– E dimmi che non vuoi morire (Patty Pravo)
– Quello che le donne non dicono (Fiorella Mannoia)
– Uomini soli (i Pooh)
– In morte di S.F.

(Francesco Guccini)
– Amore impossibile (Tiromancino)
– Amore che vieni amore che vai (Fabrizio De Andrè)
– Ricordati di me (Antonello Venditti)
– Poster (Claudio Baglioni)
– Extraterrestre (Eugenio Finardi)
– Bella stronza (Marco Masini)
– Il mare d’inverno (Loredana Bertè, Enrico Ruggeri)
– La donna cannone (Francesco De Gregari)
– Luci a San Siro (Roberto Vecchioni)
– La sedia di lillà (Alberto Fortis)
– Senza luce (I Dik Dik)
– Silvia lo sai (Luca Carboni)
– Non è tempo per noi (Ligabue)
– Ma che freddo fa (Nada)
– La solitudine (Laura Pausini)
– Il carrozzone (Renato Zero)
– Quello che non c’è (Afterhours)
– Perdere l’amore (Massimo Ranieri)
– Se telefonando (Mina)
– A mano a mano (Riccardo Cocciante)
– Gli anni (883)
– Almeno tu nell’universo (Mia Martini, Elisa)
– Giudizi universali (Samuele Bersani)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*