Le cinque regole per ritrovare energia dopo pausa pranzo

Wellness

Le cinque regole per ritrovare energia dopo pausa pranzo

Per tantissimi professionisti che lavorano in ufficio alle ore 13 scatta l’ora della pausa pranzo. Si tratta di un momento da dedicare non solo al cibo, ma anche al proprio relax per poter tornare carichi al lavoro nel pomeriggio. I consulenti di Hays Response hanno stilato a proposito una lista di cinque regole da tenere a mente per sfruttare al meglio la pausa pranzo giornaliera.

Non risulta essere un’abitudine salutare rinunciare alla pausa pranzo e restare davanti al pc consumando il cibo portato da casa. Il rischio è quello di non staccare per niente, intrappolati tra mail e scadenze da rispettare. E’ invece fondamentale per la propria salute e per la concentrazione staccare la spina, consumare i pasti in tranquillità, magari in un parco pubblico, oppure facendo attività fisica in palestra. Ecco le cinque semplici e utili regole messe a punto dai consulenti della Hays Response:

  • Tenere lontano lo smartphone: solo così ci si può davvero ritemprare per ricominciare a lavorare con energia e sprint.

    Si possono però concentrare nel momento della pausa le chiamate rimandate ad amici e parenti, in modo da distrarsi e allontanare il pensiero di ciò che ci aspetta una volta tornati in ufficio;

  • Non saltare mai la pausa pranzo: è indispensabile per mantenere alti i livelli di produttività sul lavoro, può bastare anche solo un quarto d’ora per ricaricare le batterie;
  • Evitare di pranzare con la fretta e i minuti contati: bisognerebbe dedicare almeno una mezz’ora al pranzo, evitando di mangiare in fretta e furia ingurgitando cibo. In questo modo la digestione è più difficile e non si raggiunge il senso di sazietà;
  • Non discutere di questioni di lavoro con i colleghi: la pausa pranzo dovrebbe essere un momento da dedicare a se stessi senza cadere nell’errore di ritrovarsi a parlare di quello che è successo in ufficio poche ore prima. Sarebbe preferibile affrontare argomenti diversi cercando di approfondire la conoscenza dei propri colleghi e vicini di scrivania;
  • Fare attività fisica: i più sportivi possono approfittare della pausa pranzo per recarsi nella palestra più vicina o per una passeggiata veloce nei giardini.

    Chi invece non ha tempo e voglia di fare questo, può bastare un giretto tra i negozi oppure un caffè al bar per ritrovare il buonumore e le energie.

1 Commento su Le cinque regole per ritrovare energia dopo pausa pranzo

  1. In pausa pranzo vado alla palestra sotto l’ufficio e quando torno non ho fame… mi mangerei tutte schifezze per “spizzicare”. Una collega mi ha suggerito il frullato Herbalife, così mangio qualcosa di leggero e allo stesso tempo torno in forze. Da consigliare.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche