Le cornamuse hanno avuto origine in Irlanda o in Scozia?

Guide

Le cornamuse hanno avuto origine in Irlanda o in Scozia?

Le immagini di cornamuse sono spesso accompagnate da kilt in tartan e uomini barbuti. Immagina di fare con gli amici un gioco in cui viene fuori la domanda: “In quale paese ha avuto origine la cornamusa?” Se automaticamente risponderete Irlanda o Scozia, sbaglierete. In reltà, la storia della cornamusa risale ai paesi Medioorientali molto tempo prima che divenisse sinonimo di Scozia e Irlanda.

Storia

Si ritiene che le cornamuse siano nate come strumenti contadini, suonate da pastori, agricoltori, zingari e altre persone considerate di status sociale basso. Ciò può rendere conto della mancanza di chiare informazioni storiche sulle cornamuse. Tuttavia, le prime versioni dello strumento si possono far risalire al 1.000 A.C. nelle aree del Medio oriente e del Mediterraneo. Pare che le altre versioni dello strumento siano state sviluppate e diffuse in India, Egitto, e i paesi europei intorno al quattordicesimo secolo.

Le cornamuse moderne– Un’evoluzione

La popolarità delle cornamuse si è diffusa in tutto il mondo; ci sono più di 30 tipi diversi di cornamuse in vari paesi.

Le prime versioni erano senza sacca e di materiali come bamboo, gambi di granturco e altre ancie cave. Le cornamuse moderne differiscono parecchio dalle loro antenate, piccole ossa cave hanno sostituito le ancie, le pive variano per tonalità, e delle sacche sono state aggiunte allo strumento.

La grande cornamusa delle Highland

La popolarità dello strumento in Irlanda e Scozia raggiunse l’apice durante il 14esimo secolo ed ebbe una parte importante nella storia culturale di questi paesi. Le cornamuse allora erano usate per intrattenere, compiangere i defunti e condurre i soldati in battaglia, tipicamente contro gli inglesi. Dobbiamo ringraziare gli scozzesi per aver mantenuto viva la tradizione della cornamusa con la Grande Cornamusa delle Highland, l’ adattamento dello strumento più conosciuto e popolare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*