Le dimissioni del Papa avranno grandi ramificazioni per il Cattolicesimo - Notizie.it

Le dimissioni del Papa avranno grandi ramificazioni per il Cattolicesimo

Guide

Le dimissioni del Papa avranno grandi ramificazioni per il Cattolicesimo

L’infallibilità del Papa potrebbe essere scrutinata dalle dimissioni, piuttosto che dalla sua morte.

COMMENTO | Papa Benedetto XVI si è dimesso il 28 febbraio all’età di 85 anni, lasciando il suo posto davanti a 1,2 miliardi di fedeli della Chiesa Cattolica Romana, presenti in tutto il mondo, riporta la CNN. Il cardinale Joseph Ratzinger divenne Papa nel 2005 dopo il lungo-regnante Papa Giovanni Paolo II , un leader popolare che era in carica dagli anni ’70. Molti hanno considerato l’elezione del conservatore Ratzinger, come un segno che la Chiesa Cattolica voleva riaffermare il conservatorismo, e non andava verso una dottrina liberale, come l’accettare gli omossessuali, o permettere alle donne di celebrare la messa. Molti osservatori sostengono che l’età avanzata di Ratzinger sia stata un punto di passaggio per un Papa più giovane, e forse più liberale, che deve ancora essere eletto dal collegio dei Cardinali.

Un Papa non si dimettava da 600 anni, rendendo la pratica inusuale.

Dato che la Chiesa sta combattendo una battaglia contro chi vuole liberalismo e modernità, l’autorità spirituale della Chiesa verrà indebolita dalle dimissioni del Papa, invece che dal tradizionale regno dopo la morte? Le dimissioni di Benedetto XVI potrebbero essere interpretate come una mancanza dell’infallibilità papale, o lui non è stato così favorito da Dio come il suo predecessore, che ha regnato fino alla morte?

Oppure, più positivamente, potrebbero le dimissioni essere viste come un’accettazione della Chiesa, di pratiche più moderne come il ritirarsi quando la mente è lucida? Può essere visto come qualcosa di moderno, anzichè continuare a governare fino alla senilità inoltrata?

Il popolo dei blog, continuerà a scrivere per mesi dell’elezione del nuovo Papa, e su cosa questa scelta comporterà per la dottrina della Chiesa. Queste elezioni saranno influenzate dal fatto che questo Papa si è dimesso, egli potrà decidere sulla prossima elezione, anzichè sparire nella notte? Anche se la chiesa dice che Benedetto XVI non avrà voce in capitolo sulla scelta del nuovo Papa, ma è davvero il caso?

Un Papa conservatore, spesso visto come un Papa di passaggio, si dimette anzichè morire.

Politici e studenti di catechismo apriranno un dibattito su questo, per capire se con questo voleva mandare un messaggio alla Chiesa Cattolica, oppure no. Io concordo con quelli che pensano volesse mandare un messaggio e credo che questo ponga le basi per un futuro più liberale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*