Le “Escort da Url!” di Claudio Bernini COMMENTA  

Le “Escort da Url!” di Claudio Bernini COMMENTA  

E’ già in vendita – sul sito di Affari Italiani e in tutti i bookshop on line – il nuovo libro edito da Affari Italiani Editore, “Escort da Url!”, scritto dal giornalista ed ex inviato di guerra Claudio Bernini. Un pubblicazione molto piccante, come suggerisce il titolo, perché intende mettere in luce il mondo delle escort e, ancora prima, degli escorcisti, quelli che l’autore definisce gli “escorcisti della porta accanto”.

Escorcisti e web

Da notare l’importanza che, ancora una volta, viene attribuita al web. Bernini ci fa da guida all’interno di uno stretto canale popolato da persone qualunque che si danno appuntamento su appositi siti web per raccontare, in chat o tramite messaggi anonimi, le proprie avventure erotiche e dare consigli alla community. Una serie inequivocabile di discussioni che ci conducono nel mondo della prostituzione attraverso le stesse parole degli escorcisti. Tra gli escorcisti anche un anonimo Senatore della Repubblica; come introduzione un collage di frasi di Silvio Berlusconi, notoriamente implicato in procedure legali inerenti il mondo della prostituzione.


L’identità dell’escorcista

Bernini riflette a lungo sulla figura dell’escorcista, soffermandosi con particolare attenzione sulla sua inafferrabilità e indefinitezza. Gli escorcisti possono essere artigiani, studenti, avvocati, liberi professionisti, commercianti o imprenditori; ricoprono le occupazioni più disparate – non si pensi che il budget economico costituisca sempre un ostacolo – e compiono le loro azioni nell’anonimato più totale. Tuttavia essi si sentono parte di una grande comunità, sostiene Bernini, come testimonia la loro presenza sul web e le accese discussioni in forum e community.


Un mondo a parte, ma molto vicino

E’ questo il messaggio che l’autore vuole trasmettere: quella degli escorcisti è una realtà a parte, ma non per questo distante da quella “normale”. Si tratta del percorso di un’umanità, da ricercarsi nei sexy bar, nei club o nelle camere d’albergo. Una realtà sulla quale è bene riflettere e della quale è praticamente d’obbligo prenderne atto; una realtà in rapida diffusione, a dispetto della crisi, della quale Claudio Bernini ci regala un’attenta recensione.


Filippo Munaro

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*