Le fiere e “le moto dei campioni”

Moto

Le fiere e “le moto dei campioni”

Uno dei motivi principali per cui un appassionato si reca alle fiere è per vedere da vicino, o toccare o ancor meglio salire, le moto da gran premio dei propri beniamini. Ricordo da adolescente di esser riuscito a farmi fotografare in sella all’Aprilia 125 RS di Valentino Rossi, o alla 250 Chesterfield di Max Biaggi senza troppi problemi. A quei tempi la mia età non mi permetteva di rendermi conto di quanto il legame fra le corse e un mucchio di soldi fosse tanto stretto, così non mi ponevo troppe domande come “possibile che con quello che costino le moto da gara, le varie case non si facciano scrupoli nel lasciarle in balia anche dei più smaliziati delinquenti del manubrio?”. Crescendo con il tempo le cose sono cambiate; le moto da GP, o da Superbike, sono state spostate su piattaforme grevoli sorvegliate a vista o, a volte, addirittura in teche di plexiglass opste in zone inaccessibili.

Da lì è divntato sempre più difficile poterle ammirare e “studiare”. Poi è arrivato Rossi in Ducati. Beh sì sempre lui e sempre lei. Anche per questo diamo la colpa, o i meriti, a loro. Con tutto il chiacchierare di telai e carbonio anche i sassi sapevano come e cosa era successo alla rossa e quindi niente storie. Arrivo all’EICMA e fioccano Ducato Desmosedici GP X ( dove X è un numero da 0 a più infinito). In un primo momento non ci faccio caso ma guardando bene…Nessuna è una GP 10 o 11 ma sono tutte antecedenti, di telaio in carbonio o in alluminio neanche l’ombra ma solo telai in traliccio di tubi, l’unca parte in carbonio è il forcellone….La conferma arriva al MotorBike expo a Verona, stand del circuito di Misano con una bella Ducat D16 esposta davanti e….telaio in traliccio. Poi fatto un salto allo stand Playboy per vedere la futura moto di Stephan Bradl ecco la news.

La moto ha le livree della RCV che ha corso quest’anno con il numero del neo campione della classe Moto 2, ma dalla foto si vede chiaramente che il prototipo esposto è stato sottoposto a verifiche, da parte degli addetti in occasione del GP di Valencia, nel 2009!!! Insomma è vero che non tutti gli appassionati sono super esperti però a questo punto era forse meglio un poster dove la moto e il pilota erano autentici…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Andrea Rei 48 Articoli
I campioni non si fanno nelle palestre. I campioni si fanno con qualcosa che hanno nel loro profondo: un desiderio, un sogno, una visione. Devono avere l'abilità e la volontà. Ma la volontà deve essere più forte dell'abilità.
Contact: