Le foto dei luoghi abbandonati colorati di Matthias Haker

Viaggi

Le foto dei luoghi abbandonati colorati di Matthias Haker

Qui il degrado è molto più pronunciato, ma la scelta cade sempre sui colori più accesi.

Matthias Haker è un fotografo tedesco che, come molti, si appassiona a luoghi abbandonati. Ma a differenza degli altri, le sue foto sono speciali.

E dopo la tristezza e la freddezza dell’est Europa, passiamo a qualcosa di nuovo. Matthias Haker è un fotografo freelance tedesco di Potdsam, e un altro avventuriero appassionato di urbex. Le sue foto hanno una vera e propria eleganza, andando a ricercare dettagli con un occhio sofisticato. Colori caldi, molta saturazione e contrasto, il suo lavoro sembra ridare l’anima a luoghi che sono abbandonati da tempo.

haker

E proprio i colori sono al centro della sua riflessione. C’è un paziente lavoro di geometria all’opera in queste foto, un tentativo di unire distruzione e arte, ordine e caos. I colori si fondono insieme per delineare quello che Haker vede col suo occhio da fotografo, e imprimono sulla pellicola (digitale) immagini che sembrano quasi uscire da mondi alieni.

haker

È raro trovare delle foto in grado di portare questo livello di grazia ed energia in dei luoghi abbandonati, ma Haker ci riesce perfettamente.

Con questo lavoro difficile e complicato, il fotografo è in grado di far pulsare di vita luoghi che non vedono un’anima da chissà quanto tempo. Haker riporta luoghi abbandonati alla luce non per creare un effetto di pietà, ma per farli risplendere. Nella nostra opinione, ci riesce perfettamente.

haker

1 / 6
1 / 6
Colori caldi autunnali in alto, per un'atmosfera che sembra abbracciare chi sta guardando.
Le scale di questo complesso sembrano formare una spirale infinita.
Il rosso caldo sottolinea il lavoro di linee che ha fatto Haker, con il camino che agisce come punto di fuga centrale.
Si viene a creare un'atmosfera fiabesca con questi giochi di prospettiva e colore.
L'attenzione alla geometria degli scatti è estrema.
Qui il degrado è molto più pronunciato, ma la scelta cade sempre sui colori più accesi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche