Le incredibili esternazioni della Fornero sulla riforma del mercato del lavoro - Notizie.it

Le incredibili esternazioni della Fornero sulla riforma del mercato del lavoro

Economia

Le incredibili esternazioni della Fornero sulla riforma del mercato del lavoro

Elsa Fornero
Elsa Fornero

Insomma, non lo sapevamo, ma noi italiani siamo dei privilegiati. Lo si desume dalla bagarre scoppiata ieri intorno ad alcune frasi del tutto fuori luogo del Ministro del Lavoro, Elsa Fornero, sulla riforma del mercato del lavoro. Alcune di esse sono veramente al limite della boutade, ma ce n’è una che sembra arrivare direttamente da Marte, quella in base alla quale “occorre smantellare le protezioni che si sono costituite, che si sono stratificate profondamente, motivate apparentemente da buonissimi principi ma con implicazioni di conservatorismo molto forti, fino alla difesa di privilegi”. Ora, lasciando per un attimo da parte la circostanza relativa ai familiari della ministra, che già sono stati oggetto di una forte e motivata polemica, vorremmo veramente sapere di quali privilegi si parli, oggi, anno di grazia 2012, in Italia. Un paese che vede la precarietà diventare regola accompagnandosi a salari da fame, che hanno provocato la totale stasi dei consumi e un blocco produttivo dietro l’altro.

Tutte condizioni che, naturalmente non riguardano mai questi signori che mettono all’indice gli altri venendo da situazioni lavorative ultragarantite, spesso con doppio stipendio e laute prebende e nemmeno i loro familiari che, guarda caso, godono delle stesse garanzie e occupano posti di lavoro da sogno. Per capire meglio di cosa si stia parlando, basti andare a leggere la dichiarazione di Italo Bocchino, altro noto rappresentante della Casta, uno che la precarietà nemmeno sa cosa sia e che ha passato la vita tra una poltrona e l’altra a spese della collettività, pasteggiando alla grande nella Bouvette di Montecitorio: “Sulla riforma del lavoro serve un confronto senza veti da parte dei sindacati. Allungarne i tempi è da irresponsabile. Noi sosterremo il governo perchè crediamo che vadano cancellati i vecchi privilegi e debba essere introdotto un sistema più flessibile sia in entrata che in uscita, ma diciamo no a una riforma fiacca basata su un compromesso al ribasso”.

Capito? Vecchi privilegi sarebbero l’ardire di prendere la stratosferica cifra di mille euro al mese senza dover vedere messo in discussione il proprio posto di lavoro ogni giorno o il volere un contratto a tempo indeterminato. E poi, come si fa a rifiutare un poco di flessibilità ad uno come Italo Bocchino, il quale fa un mestiere orrendo come il politico e deve accontentarsi di svariate migliaia di euro al mese, e di pochi altri benefits, tra i quali, come testimoniato dalla trasmissione de La7 “Piazza pulita”, anche il mutuo agevolatissimo per la casa?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lavorare per Brunello Cucinelli
Aziende

Come lavorare per Brunello Cucinelli?

22 ottobre 2017 di Notizie

Brunello Cucinelli è un’azienda di moda italiana conosciuta in tutto il mondo per i sui capi in cashmere. Il suo fondatore è promotore di un “Capitalismo Umanistico”, che mette l’Uomo al primo posto. Per lavorare per Brunello Cucinelli ci si può candidare sul suo sito Internet.