Mistero: Le linee Nazca (Perù), messaggi per gli alieni? COMMENTA  

Mistero: Le linee Nazca (Perù), messaggi per gli alieni? COMMENTA  

 

Le Linee Nazca si trovano nel deserto di Nazca in Perù, e coprono circa 50 miglia di territorio tra le città di Nazca e di Palpa. Perfettamente conservate nel tempo, solo a causa di pioggia e vento si sono un poco sformate. Le linee rappresentano giganteschi geroglifici creati dal popolo Nazca, antichi abitatori del luogo oltre duemila anni fa. Lo scopo delle linee è stato fonte di dibattito per molti anni, ma il mistero più grande di tutti è: come facevano gli antichi a formare disegni così precisi?

Le linee di Nazca sono formate rimuovendo le rocce dal deserto per rivelare la sabbia rosata al di sotto. Si ritiene che i Nazca abbiano attentamente esaminato la terra per poter decidere dove creare le forme, tuttavia, sembra improbabile dato che i più grandi disegni arrivano a misurare più di 6-100 metri di diametro e sono visibili solo da altitudini estreme. Il mistero più grande però è la progettazione di tutto quanto: come potevano progettare cose che non riusciva a vedere?

La maggior parte delle linee di Nazca sono modelli casuali, notevoli solo per le loro dimensioni e il fatto che le linee siano estremamente precise. I disegni più stravaganti includono ragni e orche. Uno dei più bizzarri geroglifici è conosciuto come “l’astronauta”. Presumibilmente è una rappresentazione stilizzata di un essere umano. Questo disegno infatti presenta una testa arrotondata e grandi occhi rotondi sporgenti. Sembra agitato, quasi come se ci stesse dicendo “Salve terrestri, veniamo in pace.”

Il motivo per cui le linee di Nazca furono disegnate rappresenta uno dei più grandi misteri. Una delle teorie più accreditate è che siano state utilizzate per alcune pratiche religiose. Durante le feste religiose, l’antico popolo avrebbe camminato in processione seguendo le linee tratteggiate nella sabbia. Un’altra teoria afferma che le processioni religiose fossero così lunghe, perché la gente voleva che fossero chiaramente visibili ai loro Dèi che risiedevano nei cieli.


Ancora, spiegazioni più interessanti dicono che le linee sono state tracciate da altri esseri. Molte persone hanno teorizzato che le linee dovevano essere viste da antichi astronauti provenienti da altri mondi, ed era come un modo per dire “noi siamo qui”. L’antica teoria della pista di atterraggio è stata portata avanti, affermando che le molte delle linee sembrano essere antiche piste di atterraggio per aerei o veicoli spaziali.


Oggi, si crede che le linee di Nazca siano in pericolo a causa dei cambiamenti climatici. Viktoria Nikitzki ha portato avanti uno studio elaborato su questo fatto, affermando che le linee sono molto basse e non saranno in grado di resistere a precipitazioni significative. Il fatto che le linee siano resistite per più di duemila anni sembrerebbe indicare che le probabilità sono a loro favore, ma dobbiamo pensare ad una eventuale soluzione ora che possiamo ancora.


 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*